IL FOGOLÂR

IL FOGOLÂR
“Mandi, è il saluto friulano che equivale a ciao. Il significato si perde nella notte dei tempi e vorrebbe dire “nelle mani di Dio” ;ma forse è di origine precristiana, con la frase “nelle mani degli dei”. Nella lingua latina mandi vorrebbe dire: “La mano di Dio ti protegga” (“Manus Dei”) o, anche “Conservati a lungo!” (“Mane diu”) ed ancora dal latino “mane-diu” Vai nelle mani di Dio.” “che tu rimanga a lungo (su questa terra) ”. Mandi a dûc

My Family - Papy Mamy - Teo & Mary - eee...

giovedì 31 marzo 2011

Pesto all'aglio orsino

E vi pare che io possa stare lontana senza pensarvi ??? Il mio blog sara’ contento di non dormire a lungo e i miei ragazzi, piccoli compresi, hanno mangiato volentieri i cavatappi con il pesto di aglio orsino. Non ricordavo le dosi che avevo letto qua e la, e mi sono arrangiata alla meno peggio. Per quanto riguarda frutta e verdura, in Uk si trova di tutto nei giorni scorsi, quando ho visto un bel mazzetto di aglio orsino, ho deciso subito di fare una pasta diversa per i miei londinini. Sapevo che in casa c’erano i pistacchi e cosi’ mi sono difesa bene. Il piccolo Marco (1anno) non parla ma fa i fatti, si e’ mangiato tutta la sua pasta e poi allungava la forchetta nel piatto del fratellino Martino PESTO all'AGLIO ORSINO circa 30 g foglie di aglio orsino 30 g di pistacchi di Bronte 1 pomodorino secco 1 cucchiai di formaggio montasio stagionato olio ex v di oliva sale e pepe q.b. Pulire le foglie di aglio orsino con un pannocarta inumidito. Spezzettarlo con le mani e inserirlo nel mixer con tutti gli ingredienti e poco olio. Tritare tutto, versando a filo l'olio, sino ad ottenere una crema morbida ed omogenea. Correggere di sale e pepe se necessario *** L'aglio orsino si può anche congelare, ma il miglior metodo di conservazione consiste nel trasformarlo in pesto. Aglio Orsino: (questa è una bella chicca trovata in internet ... ^___^ i miei Orsi non devono rigenerarsi, ma gradiscono l'aglio orsino) L’AGLIO ORSINO Quando gli orsi abitavano ancora i nostri boschi, in primavera si riempivano la pancia di aglio orsino, il cugino di aglio e cipolle dal profumo che ricorda i porri. Queste verdi foglioline erano una carica di vitamina C dopo il letargo invernale. Oggi l’ambasciatore di marzo è diventato una moda, se non altro perché non provoca quello sgradevole odore d’aglio. L’aglio orsino cresce in quasi tutta Europa. Durante la raccolta è bene fare attenzione a non scambiarlo con la piantina velenosa del mughetto. Ci si accorge della differenza sfregando le foglie tra le dita: quelle di aglio orsino profumano d’aglio. Il mughetto è un fiore meraviglioso, profumatissimo però anche durante la raccolta è bene avere delle precauzioni, il latticello bianco che i gambi di fiori e foglie rilasciano dopo averli recisi, è particolarmente tossico e quindi è bene evitarne il contatto.

10 commenti:

raffy ha detto...

che buonoooooooooooo!!! lo voglio...

Rosetta ha detto...

Raffy, se trovi l'aglio orsino sei a cavallo.
In montagna ne ho a josa ma qui a MI non l'ho mai visto ... son dovuta approdare a Londra per trovarlo.
Mandi

pâtes et pattes ha detto...

carissima Rosetta, volevamo ringraziarti, perchè sul tuo blog c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare, mandi Helga e Magali

Lilly ha detto...

Da le mie parti lo usiamo moltissimo, ma qua(Torino) ancora non l'ho trovato.La natura ci offre tante cose, basta conoscere quello che ti trovi d'avanti!

Rosetta ha detto...

Helga, la mia è una cucina semplice con spunti carpiti a mia nonna o alle nonne della montagna e questo aglio orsino lo conosco proprio perchè i boschi lassù dove vado io, sono pieni di questa meravigliosa pianta.
Un baciotto sul nasetto alla pelosetta Magalì
Mandi

Rosetta ha detto...

Di dove sei Lilly ? se ti capita di andare in montagna nelle vicinanze di Torino, guarda bene nei boschi. L'aglio orsino cresce sulle nostre alpi e in tutta europa in generale.
Grazie per la visita.
Mandi

alex ha detto...

ciao Rosetta, bentornata.
Ti ho pensato, immaginandoti a cuocere pranzetti per i tuoi cuccioli, è un bel modo per dire ti voglio bene.
Per quanto riguarda l'aglio orsino non sapevo nemmeno che esisteva, grazie, quante cose da imparare, un abbraccio Alex

Rosetta ha detto...

Ciao Alex, mi piace quando riesco a far conoscere ad altri quello che so.
Se mai ti capita di trovare l'aglio orsino, copia pure, sono ben felice.
Mandi

Aurora ha detto...

NOn avrei mai immaginato che somigliasse al mughetto... notizie interessanti.

Parlando d'altro voglio quel gatto nero che hai in home page... mi dici dove lo hai provato? E' delizioso!!!!

Rosetta ha detto...

Provvedo subito Aurora.
Per quanto riguarda la somiglianza delle foglie dell'aglio è vero, assomigliano a quelle dei mughetti.
La natura ci riserva sempre delle somiglianze e a volte mi domando perchè.
Mandi