Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

giovedì 16 ottobre 2008

Offelle di Parona

OFFELLE DI PARONA - simil-offelle di Mamyros

Questa rispecchia la ricetta originale tale e quale, il sapore si avvicinaparecchio
400 g farina Metton 55 pari alla farina 0 italiana (in casa non avevo la 00)però si possono fare i biscotti sia con una che con l'altra).
175 g di burro a pezzettini
175 g di zucchero
1 cucchiaio di olio ex v oliva
1 uovo più un tuorlo
1 cucchiaino raso di lievito
Ho messo tutto nell'impastatrice e poi il panetto un'ora nel frigorifero avvolto nel cellophane.
Il mio forno non è quel granchè, e quando li ho tolti avevano un poco di rossiccio attorno, i miei hanno gradito molto.
In forno a 200° per 15 minuti





Forma esatta delle Offelle di Parona

Scatola di Offelle di Parona in commercio.
Questa è una ricetta che dicono sia originale.
Per gli stampini ci vorrebbero quelli ovali.
OFFELLE DI PARONA

Dosi per otto persone:
300 gr. di farina,
150 gr. di burro,
150 gr. di zucchero,
1 uovo,
la scorza grattugiata di un limone,
un pizzico di sale.
Preparazione:
disporre la farina in cerchio sul piano di lavoro, mettere zucchero, sale e scorza di limone al centro.
Versare nel mezzo l’uovo e il burro a pezzettini, impastare prima gli ingredienti al centro, in seguito aggiungere all’amalgama la farina.
Formare una palla compatta e omogenea senza lavorare troppo la pasta.
Lasciare riposare la pasta, coprendola con un panno, per mezz’ora in luogo fresco.
Con un mattarello stendere l’impasto, senza più lavorarlo, sul piano di lavoro leggermente infarinato.
Ottenuta una sfoglia sottile, ritagliare con uno stampo ovale i biscotti.
Cuocere in forno a 200 ° per 15 minuti.
Daniela M.M.
OFFELLE DI PARONA
Le offelle sono un dolce tipico della cittadina di Parona, nella Lomellina, la zona nord occidentale della provincia di Pavia.
La specialità dolciaria vanta ormai più di un secolo di vita.
Si tratta di un biscotto, dal gusto unico e dall'inconfondibile forma ovale, nato da un’indovinata miscela di ingredienti semplici e nutrienti.
Pare che le inventrici dello squisito dolce siano state, sul finire dell'Ottocento, le sorelle Pasqualina e Linìn Colli.
Il successo commerciale delle offelle arrivò nel 1969 con l’organizzazione della prima sagra di questo prodotto tipico.
Da allora, la locale Pro Loco tutela la genuinità del biscotto attraverso un marchio di garanzia fornito ai produttori.Il dolce ha conquistato il palato di tanti consumatori italiani ed esteri.
OFFELLE DI PARONA
Storia
"...un'antichita' fatta di dolcezze..."
Le massaie paronesi amavano confezionarle nell'imminenza della sagra del paese che coincideva, alla prima domenica di Ottobre, con la festa della Madonna del Rosario, per presentarle, al termine della colazione festaiola, ai commensali che, per l'occasione, raggiungevano il paese per trascorrere, fra parenti ed amici, ore di serena letizia.
Furono due sorelle, una delle quali di nome Pasqualina (di cui il dolce si assimilò per lungo tempo il nome), a darne il primo carattere artigianale.
Eravamo all'inizio del nostro secolo ed i mezzi pubblicitari non erano certo quelli di oggi, ciò nonostante il prodotto andava a ruba.
Quale il segreto di questo successo?
Facile la risposta.
La superlativa genuinità degli ingredienti che compongono l'Offella di Parona, il loro giusto dosaggio, la indovinata cottura, imprimevano al prodotto un indice di gradimento eccezionale.
Quegli ingredienti, quei sistemi di produzione, anche dopo decenni, sono rimasti invariati: farina di frumento, uova, burro, zucchero ed olio d'oliva fusi in una indovinata sintesi offrono, ancor oggi al consumatore buongustaio, in cerca di alimenti genuini, il meglio di una produzione dolciaria che rivive in tempi difficili come i nostri, tra le imperanti sofisticazioni d'ogni genere.

5 commenti:

manu e silvia ha detto...

Che buoni e dolci questi biscotti!!
Si scoprono sempre novità interessanti sui prodotti tipici della nostra terra!!
Grazie per la spiegazione ed il racconto della loro origine..un po' di cutlura culinaria non fa mai male!
baci baci

michela ha detto...

Mai sentiti nominare.
Però mi sembrano buoni anche dagli ingredienti..grazie.
Imparo sempre qualcosa passando di qua.
ciao
buon we.

rosatea ha detto...

Manu e Silvia, sono veramente squisiti, per il momento non sono molto conosciuti, si trovano nei supermercati di Milano (Slunga-BennetMarket e poi non ricordo)
Parona Lomellina è in provincia di Pavia ad appena 50 km da Milano.
Io li conosco fin da piccola perchè sono nata in un paesino vicino, tapiantata a MI a 8 anni e sono felice di poterli proporre anche a voi perchè proviate a gustare la loro bontà.
bacionissimi

rosatea ha detto...

Michela, questo prodotto è conosciuto nelle zone vicine al paese.
Parona Lomellina è in provincia di Pavia ma molto lontana dal capoluogo.
Milano è la città più vicina ed è per questo che sono commercializzati nei supermercati.
Buon fine settimana anche a te
Mandi

Zucchero e Farina ha detto...

ho scoperto il blog cercando questa ricetta, ottima, grazie mille