Foto Rosetta marzo 2017

Foto Rosetta marzo 2017
Primavera ad Ampezzo

venerdì 20 marzo 2009

20 marzo ... è primavera !




PRIMAVERA ANTICIPATA
Quest'anno la primavera ha un giorno di anticipo: l'equinozio scatta oggi, anziché domani 21 marzo.
A Milano la giornata è freddina, ma il sole si batte bene contro le nuvole portate dal vento.
A San Benedetto (domani 21), la rondine vola sopra il tetto, le mie rondini ve le offro per festeggiare l’arrivo della primavera e sono fatte con l’impasto dei biscotti “S” di Rosetta, che trovate qui:
http://ilfogolar.blogspot.com/2009/03/biscotti-s-di-rosetta-auguri-ai-papa.html#links
Le foto dei fiori me le hanno inviate ieri i miei amici Marco e Angela di Ampezzo.
Quando ho lasciato le montagne 15 giorni fa, c’era ancora la neve, è bastato un po’ di sole e la natura è sbocciata, si è preparata per donarci un’allegra primavera.
Buon proseguimento !
Le rondini

Violetta

Veronica

Primula

Pratolina ... m'ama, non m'ama ... quante volte lo avete fatto da piccoli ?

Fiori di corniolo

Forsizia

giovedì 19 marzo 2009

Biscotti "s" di Rosetta - auguri ai papà

FESTA DEL PAPA’ ...auguri a tutti i papà

Oggi 19 marzo, è la festa del papà, un tempo festa nazionale insieme all’epifania erano feste riconosciute dallo stato, uffici e scuole erano chiuse, le altre feste non erano riconosciute … sono nate in sordina ed ora sono feste eeemm … mangiasoldi.
L’epifania è tornata festa nazionale mentre San Giuseppe-festa del papà è stata un poco oscurata, ma per mè resta sempre una gran festa anche se il papà l’ho perso quando ancora ero giovane.
Festeggio mio marito che è un papà meraviglioso, festeggio mio genero che da poco è diventato anche lui un papà stupendo, festeggio tutti i papà fantastici del mondo.
A tutti dedico un dolce pensiero

Foto di www.santambrogiopipe.com
BISCOTTI "S" di Rosetta

500 g di farina 00
1 uovo intero + 1 tuorlo (uova grosse)
100 g latte
100 g zucchero
100 g strutto
1 bustina vanillina
½ bustina ammoniaca per dolci

Versare tutto nell’impastatrice compresa l’ammoniaca per dolci.
Avviare prima con il gancio a k e poi con il gancio, partendo da una velocità bassa, sino ad arrivare alla medio alta.
Fermare un paio di volte per staccare l’impasto dalle pareti, finchè si è formata una palla soda e lavorabile.
Mettere l’impasto sulla spianatoia, impastare un attimino giusto per renderlo tutto liscio.
Preparare dei rotolini come per gli gnocchi, tagliarli della lunghezza desiderata, dare la forma di S e appoggiarle sulla placca del forno foderata con carta-forno.
Portare il forno a 200° e intanto che si scalda preparare la glassa con l’albume, qualche goccia di arancia e zucchero a velo.
Con un cucchiaino bagnare i biscotti con questa glassa e infornare per 10 minuti circa.

*** Al posto della vanillina ho usato una fialetta di liquore mandorle.
*** I rotolini li ho passati nella farina di mandorla, non ho messo la glassa.
*** Ricordatevi che i rotolini più sono grossi e più tempo ci vuole per cuocerli, quindi regolatevi tenendoli d'occhio, quando iniziano a colorarsi sono cotti.

Quella sopraindicata è la ricetta originale che ho fatto nel 2006.

Le foto qui riprodotte le ho fatte poco fa con i biscotti sfornati ieri sera alle 11,40pm ai quali ho apportato alcune varianti.

Storia e origini dei questa festa, li trovate qui:
http://ilfogolar.blogspot.com/search?q=festa+del+pap%C3%A0

domenica 15 marzo 2009

Biscotti quaresimali

Nonostante le bizze del forno, che sta esalando gli ultimi respiri, sono riuscita a sfornare dei buoni biscotti che ho copiato paro paro alla ricetta di : www.ricettebarbare.blogspot.com/ (Ricetta della Pasticceria Laboratorio del Dolce di Udine )


BISCOTTI QUARESIMALI

600 g farina 00
240 g zucchero
240 g burro
3 uova
100 g latte
10 g ammoniaca
un pizzico di sale
buccia di 1 limone grattugiato

Ho messo tutto nel Ken con l’ammoniaca sciolta nel latte.
Lasciare riposare in frigorifero.
Dopo il riposo, formare delle palline grosse quanto una noce, appoggiarle sulla placca ricoperta con carta forno e infornare a 180° per 15/20 minuti.
*** vi ricordo che il mio forno è bizzarro perciò teneteli d’occhio, appena iniziano a prendere colore, toglieteli.
Lasciarli raffreddare e spolverare di zucchero a velo.
Sono abbastanza morbidi, profumati e non troppo dolci.

Mantenete le palline distanti ... in cottura si allargano

Non sono una brava pasticcera, però sono veramente buoni.
Non li ho spolverati di zucchero a velo per accontentare i miei Orsi.


Cotolette di stocco

Ed ecco la terza ricetta fatta con lo stocco, le cotolette sono finite nel congelatore già pronte, eee … mica si mangia tutto in una volta !

COTOLETTE DI STOCCO

Stocco cotto un pezzo preso da qui http://ilfogolar.blogspot.com/2009/03/con-questo-bel-pezzettone-di.html#links
e tritato finemente

Per il ripieno:
pane grattugiato quanto basta per rendere l’impasto un poco sodo
1 cucchiaio non troppo colmo di farina 00
2 uova1 cucchiaino raso di prezzemolopeperoncino1 cucchiaino raso di maggiorana1 spicchio di aglio
1 cucchiaino raso di buccia di limone grattugiato
un cucchiaio colmo di Montasio stagionato grattugiato1 cucchiaino raso di strutto
2 cucchiai olio

Preparazione ripieno:
Inserire nel mixer un poco di pane grattugiato con l’aglio, dare una frullata, inserire tutti gli altri ingredienti e frullare per amalgamare tutto.
Versare la preparazione in una terrina con le uova, il formaggio, lo stocco tritato e amalgamare sino ad ottenere un impasto omogeneo e non molto sodo.
Lasciare riposare un’oretta, dividere in 3 parti e confezionare le cotolette.
Ho formato 3 palle di 150 g l’una, le ho schiacciate e ho dato la forma della cotoletta.

*** Le cuocerò in padella o al forno senza condimento (all’interno c’è già strutto e olio che le tengono morbide). Basta tenere il fuoco basso sino a lasciarle dorare.

Impasto per le cotolette di stoccafisso

Spaghetti allo stocco e pesto di pomodorini

Gli spaghetti allo stocco per il maritino ... una spolveratina di prezzemolo ci stava bene, purtroppo non ne ho in casa neppure una gambetta.

SPAGHETTI ALLO STOCCO E PESTO DI POMODORINI
per 1 persona

100 g di spaghetti
150 g stocco sotto (http://ilfogolar.blogspot.com/2009/03/con-questo-bel-pezzettone-di.html#links)
sale q.b.

per il ugo

pomodorini secchi (http://ilfogolar.blogspot.com/2008/04/pomodorini-secchi-sottolio.html#links)
un goccio di acqua di cottura dello stocco
olio ex v oliva

Mentre gli spaghetti cuocciono, mettere nel mixer i pomodorini, un poco di olio e un goccio di acqua di cottura dello stocco (deve rimanere un poco fluido).
Tritare grossolanamente lo stocco.
Scolare la pasta al dente, condirla con lo stocco tritato e il pesto di pomodorini, mescolare … fotografare in fretta e servire.

Stocco ricco in portafoglio


Con questo bel pezzettone di stoccafisso ho fatto un altro bel trittico:
stocco ricco in portafoglio – spaghetti al pesto di pomodorini secchi http://ilfogolar.blogspot.com/2008/04/pomodorini-secchi-sottolio.html#links
e cotolette di stocco che ho congelato.

STOCCO RICCO in portafoglio
per 4 persone

stoccafisso ammollato
5 patate medie
1 cuoricino di sedano
2 cipolle
preparato all’arrabbiata
maggiorana
olio ex v oliva
2 bicchieri di birra www.zahrebeer.com/
sale q.b. (dosarlo in tre tempi)

per guarnire:
olive
1 scatola di fagioli cannellini Bonduelle
pane grattugiato
1 cucchiaio colmo di Montasio stagionato grattugiato
maggiorana
peperoncino
3 spicchi d’aglio (facoltativo
olio ex v oliva
sale q.b.

Mettere lo stoccafisso in una pentola capiente che lo conteng, con l’acqua fredda e cuocerlo per 10 minuti. Spegnere e lasciare intiepidire tutto. Scolare e conservare una parte del liquido.
Versare un poco d’olio in un ruoto e tutto a freddo iniziare con un letto di cipolla mondata e tagliata sottile, con metà sedano lavato e tagliato a rondelline.
Coprire con uno strato di patate, salare leggermente e distribuire bene lo stocco sfogliato.
Continuare con le rimanenti cipolle, sedano e finire con le patate.
Salare poco, spolverare la superficie con maggiorana, il preparato all’arrabbiata http://ilfogolar.blogspot.com/2009/03/pasta-o-riso-allarrabbiata.html#links, i fagioli scolati ben distribuiti, le olive, versare la birra e avviare la cottura sul fornello lasciando cuocere per un’ora a fuoco medio-basso col coperchio.
Dopo ¾ d’ora accendere il forno e portarlo a 230°.
Preparare un mix di pane e formaggio grattugiato con maggiorana, peperoncino, aglio tritato grossolanamente e una spolverata di sale.
Spegnere il fornello, accertarsi che il sughetto non si sia ristretto troppo, distribuite sopra le olive e spolverate con il mix preparato.
Coprire con un foglio di alluminio senza sigillarlo (solo appoggiato) e infornare ancora per 1 ora.
Togliere l’alluminio, lasciar gratinare e se il sughetto si è rappreso non resta che servire ben caldo.
Una buona insalatina fresca come accompagnamento et voilà !

1 porzione di stocco

Stocco nel ruoto che cuoce sul fornello


Stocco prima di essere infornato


Preparazione pronta


*** Il ruoto è una teglia tonda dai bordi alti. La mia è fornita di un manico che si può applicare o togliere. Sul fornello metto il manico, quando lo inserisco nel forno lo tolgo.