Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

sabato 9 maggio 2015

Polpette di riso









Nonna Losetta, quando vede i nipotini in skype, poi non capisce più nulla. E così fu che anzichè fare un risotto con salsiccia allo zafferano, di 200 g ... l'ho fatto di 400.
Mi sembrava tanto, ma avevo talmente la testa fra le nuvole, che non ci ho pensato più di quel tanto. Mancava brodo è vero, ma ne ho preparato dell'altro con un buon dado e quindi il problema è stato risolto alla grande.
Eheee, ne è avanzato, ma nonna felice il giorno dopo ha portato in tavola delle ottime polpette di riso con un altrettanto ottimo contorno di insalata mista.


POLPETTE di RISO
risotto avanzato
1 uovo grande
impan dell'ariosto
olio per friggere

Rompere nel risotto l'uovo e mescolare accuratamente.
Con due cucchiai o con le maninenude, preparare le polpette, passarle nel preparato di Impan per la panatura delle polpette e tuffarle nell'olio pronto per friggerle.
Quando sono ben dorate, metterle a scolare in un piatto sopra alla carta assorbente da cucina.
Servire con una giovane insalatina, pomodoro, rucola e cipollotto fresco.
Mmmmhhhhh musica maestro !





venerdì 8 maggio 2015

Flognard di porri






Clafutis di qua, clafutis di la e poi vengo a scoprire che clafutis è originale solo se fatto con ciliegie, altrimenti è una "Flognard"
Non è un clafutis, il nome clafoutis ha un’etimologia controversa; 
secondo alcuni la parola deriva dal dialettale clafir, che significa guarnire, riempire; per altri l’origine del nome si fa risalire al latino clavum figere, ovvero conficcare un chiodo, con riferimento alle ciliegie che vengono “piantate” nell’impasto.
Oppure
Il nome è quello che usavano i romani
Dal latino  “ MORUS CELSA “  In contrapposizione alla  “ MORA DI ROVO “
Non si deve chiamare clafoutis perche’ non é di ciliege anche se oramai si fanno clafoutis di tutto .... in questo caso il suo nome é "flognarde" e puo’ essere fatta con altri frutti o altro.
Alla fine vi presento la mia :


FLOGNARD di PORRI
per 2 porzioni

3 porri solo la parte bianca
4 cucchiai di latte
1 cucchiaio di farina
2 uova
1 hg di prosciutto fetta intera
sale
burro

Mondare, lavare molto bene i porri e usare solo il pezzo bianco. Sbollentarli per una decina di minuti.
Lasciarli intiepidire, tagliarli a metà per la lunghezza.
In una teglietta da forno, sciogliere un poco di burro, appoggiare i porri chiusi a panino con dentro un pezzetto di prosciutto e tenere a parte a fuoco spento.
In una terrina versare la farina, il latte, le uova e un poco di sale.
Amalgamare energicamente per non formare grumi ed infine versare tutto sopra ai porri.
Cuocere la Flognard nel forno caldo a 180° finchè l'uovo si è rappreso bene.






mercoledì 6 maggio 2015

Peperoni ... cornuti cotti e mangiati



Quando cucino qualche cosa di diverso, penso sempre anche a voi.
Il titolo di questa ricetta è dovuto proprio alla qualità dei peperoni, riempiti con cosine buone, cotti al forno e mangiati.


PEPERONI ...
CORNUTI COTTI e MANGIATI
7 peperoni cornuti - teglia Ø 22

7 peperoni lunghi rossi
2 pezzi di porro
1 hg prosciutto cotto fetta unica
1 hg gorgonzola
poco pane grattugiato
formaggio montasio grattugiato a piacere
insaporitore ariosto
olio

Sbollentare i due pezzi di porro, scolarli e lasciarli intiepidire.
Lavare i peperoni, asciugarli, tagliare la calotta e con un coltellino rimuovere i semi e i filamenti (sono facili da togliere in un unico blocchetto).
Conservare i pezzetti di calottina che si separano bene dal picciolo.
Tagliare delle strisce di porro, di prosciutto, di gorgonzola e inserirli insieme nel peperone.
Schiacciarli bene in dentro e coprire con le calottine conservate.
Man mano che sono riempiti, sistemarli nella teglia unta di olio unendo anche il porro rimasto.
In un piatto mescolare un poco di pane grattugiato con il montasio grattugiati, spolverare i peperoni, versare un filino di olio e cuocere in un forno caldo a 200° per 30-40 minuti.








domenica 3 maggio 2015

Tramezzini di melanzane

Il corso degli anni è inevitabile, 
l'invecchiamento è opcjonal ...

Vamo là, oggi giornatona confusa ... è il mio compleanno e te pareva che non ne combinassi una delle mie ???
Pazienza, ve la racconto ... volevo preparare dei cannelloni di melanzane, ma mentre  le fette di melanzane erano a grigliare nel forno, mi hanno contattato in skype i miei nipotini da Londra ... ettipareva
 
ricordarmi del forno acceso  !?!? così ho spento quando ormai le mie fettine erano tutte brucioste.
Poco dopo hanno chiamato Matteo e Maria da Dublino ... e poi manco mi ricordavo di preparare il pranzo, ero strafelice per gli auguri internazionali dei miei ragazzi.
Meno male che all'ultimo momento ho pensato alle due piccole melanzane che avevo ancora  di scorta, dal momento che erano un po' mini, ho preparato dei tramezzini, per poter utilizzare gli ingredienti che avevo già preparato.
E ora ve li presento, erano ottimi, tutto spazzolato


TRAMEZZINI di MELANZANE
Teglia Ø 28

2 melanzane lunghe piccole
100 g prosciutto cotto fetta intera
100 g provolone
pane grattugiato
formaggio montasio grattugiato
origano
sale
olio

Lavare e asciugare le melanzane, togliere il picciolo e tagliarle a fettine per il lungo.
Grigliarle leggermente.
Su una fetta di melanzana appoggiare 1/2 fettina di provolone, un pezzetto di prosciutto e coprire con un'altra fetta di melanzana.
Appoggiare questo tramezzino nella teglia unta di olio e spolverata con pane grattugiato.
Continuare sino ad esaurimento verdura formaggio ecc.
Non sovrapporre nella teglia, deve rimanere tutto in piano.
Se aggiungete il sale, siate molto moderati, il provolone è già salmastro di suo.
Spolverare con pane grattugiato, formaggio e origano, un filino di olio e pomodorini ciliegini in scatola.
Cuocere 30 minuti nel forno già caldo a 200°
Buoni, croccanti ... tutti spazzolati.

Pezzetto di prosciutto, mezza fetta di provolone e coprire con altra fetta di melanzana



Per i cannelloni, le fettine di melanzana dovevano essere sottili e alla fine arrotolate una per una con fettina di prosciutto e provolone.

Teglia con olio e pane grattugiato

Melanzane pronte con spolverata di pane e origano

Melanzane completate con giro d'olio e pomodorini

Orsomio leggermente indisposto, ha preferito un poco di pasta in bianco e una piccola porzione di melanzane.

Io mi sono trattata bene !