2017

2017
Foto mia - Sauris UD dicembre 2014

sabato 22 dicembre 2012

Risotto zucca e salsiccia - regalino

Ultima ricettina, nei prossimi giorni non so se riesco a postare qualche cosa, qui non ci saranno tanti preparativi, i miei nipotini quest'anno non ci sono, Matteo sarà la nostra meteora di passaggio ... quassù ha la morosina e quindi presumo che stia volentieri da lei.
Carlo ed io, per la prima volta avremo il nido vuoto ... ma è giusto così, i figli quando sono grandi devono imparare a volare da soli.


RISOTTO ZUCCA e SALSICCIA
per 4 porzioni

350 g riso arborio
2 salsicce fresche
1 tazza di purè di zucca rimasta la sera prima
olio
burro per mantecare
brodo vegetale
sale e pepe q.b.
formaggio montasio grattugiato

Sofriggere in una teglia le salsicce sbriciolate, appena iniziano ad arrossire, tostare insieme il riso.
Se avete la possibilità, lasciate riposare 1/2 ora.
Riprendere la teglia, scaldate e aggiungete piano il brodo vegetale.
A metà cottura versate il purè di zucca insieme al riso e portare a cottura, aggiungendo sempre poca acqua per volta.
Spegnere, mantecare con il burro e poco formaggio.
Lasciare riposare pochi minuti e servire il risotto cospargendolo con abbondante montasio grattugiato.






Mentre eravamo a tavola, la postina ha suonato due volte per consegnarmi questo bellissimo segnalibro, speditomi da una cara amica. 
Non ho mai avuto un segnalibro personalizzato e ricamato con tanto amore. 
Grazie Donatella, Buone feste anche a te ed alla tua famiglia.



venerdì 21 dicembre 2012

Osteria con cucina Monte Monte Jôf

Non posso lasciarvi senza una piccola ma per me grande pubblicità, Monte Jôf condotto da un'amica straordinaria.
Carla è la conduttrice dell'osteria da non molto tempo, conosco la sua cucina e devo dire che è molto piacevole versatile e saporita.
Per me è a portata di mano, è proprio alle porte del paese, ma per una vostra passeggiata, per un Natale diverso o altro, ne vale proprio la pena.


Osteria con cucina MONTE JÔF




I prezzi sono molto contenuti e alla portata di tutti


L'ambiente è confortevole, il panorama montano gradevole, ambiente pulito e la cordialità non manca di sicuro.

giovedì 20 dicembre 2012

Zucca al forno

Zucca zucca delle mie brame, un'altra di quelle verdure che non mi stancherei mai di portare in tavola.
Non solo cotta in mille modi ma se è buona, è perfetta anche cruda. Mai mangiata ?
Quando ne trovate una buona, provate  a tagliarne 1 fetta a mandolina sottile oppure a fiammifero, condite con olio sale e pepe un'oretta prima di mangiare e mescolare spesso. 
A tavola gusterete qualche cosa di buono.


ZUCCA al FORNO
per 2 porzioni

1 zucca piccola 800 g circa (della qualità che vedete qui sotto)
5 o 6 scalogni
4 spicchi di aglio
olio poco poco
sale e pepe q.b.

Pulire la zucca dei semi e filamenti e togliere la scorza.
Tagliarla a fette sottili e appoggiarla in una teglia da forno, lasciando meno spazio possibile.
Pulire gli scalogni, tagliarli a metà e metterli negli spazi vuoti, insieme all'aglio sbucciato.
Versare poco olio a filo sulla zucca, salare pepare e mettere nel forno preriscaldato a 180° per 30 minuti circa.
A metà cottura girare le fette dall'altra parte.

Peccato che in cottura la zucca rimpicciolisca un pò.


Questa sotto è la zucca che di soito uso anche per fare gli gnocchi, buona buona. Il suo peso è di kg 1,5 circa, ma a volte se ne trovano di più piccole che sono metà peso.

Purè di zucca

Si stringe cinghia in previsione delle libagioni natalizie.
Vediamo di farcela.


PURE' di ZUCCA
per 2 porzioni

1 piccola zucca di 800 g circa.
aglio se vi piace a piacere
brodo vegetale caldo
sale e pepe q.b.
olio poco

Mondare la zucca togliendo i semi e la scorza dura.
Tagliare la zucca a dadini.
In una teglia soffriggere l'aglio nell'olio, appena l'aglio tende a imbiondire, aggiungere la zucca, mescolare per insaporire, mettere il coperchio e cuocere piano per qualche minuto.
Dopo aver lasciato la zucca a sfrigolare un poco, salare, pepare e unire 1 mestolo di brodo vegetale e portare a cottura, aggiungendo brodo quando serve, sino a che la zucca ha preso la consistenza del purè.

mercoledì 19 dicembre 2012

Tortini di verdure

Sono rimasta delusa perchè le mie tortine non si sono sformate bene, ma erano di un buono che persino Orso mio mi ha chiesto di rifarglieli ancora.
Al supermercato avevo trovato una piccola vaschetta con cavolfiori bianchi e broccoletti verdi.
Et voilà ... Paperino, nella Zuppa del bottone, ogni tanto aggiungeva qualche cosa, e così sono i miei tortini.


TORTINI di VERDURE
per 2 porzioni

4 ciuffi di cavolfiore bianco
6 ciuffi di broccoletti verdi
2 patate medie lessate
1 scalogno grande crudo
1 cucchiaio di montasio grattugiato
1 cucchiaio di pane grattugiato
1 pizzicotto di erbe di provenza (un mix profumato tipo origano)
1 cucchiaio di olio
sale e pepe q.b.

Lessare i broccoli, scolarli e metterli in una terrina con le patate e schiacciare tutto con i rebbi della forchetta.
Aggiungere lo scalogno crudo tritato finemente, il pane, il formaggio, le erbe di provenza, sale pepe e l'olio.
Amalgamare per bene e riempire 2 formine da budino unte di burro e infarinate.
Infornare a forno caldo 200° per 30 minuti.
Sfornare e servire caldo.


*** Non ho messo l'uovo perchè non ne avevo neppure uno, è per questo che i miei tortini non si sono sformati bene.

martedì 18 dicembre 2012

Pandeitubi

Del Partybrot backröhren, vi avevo già parlato qui
http://ilfogolar.blogspot.it/2012/12/partybrot-backrohren.html#links
Ho conosciuto questo nuovo aggeggio, tramite la mia amica Aurora del forum www.cortiledellematte.com 
Ieri ho iniziato la produzione natalizia ed ho usato sempre la ricetta di Aurora, con una sola differenza, non ho messo il "malto d'orzo", perchè qui non si trova neppure con il lanternino.
Buoni, devo solo curare un attimo di più la lievitazione.


PANDEITUBI
per 3 tubi

500 g di Manitoba
130 g di latte
120 g di acqua
1 misurino di sale
20 g di lievito di birra... se si ha tempo di far lievitare ne bastano anche 15.
1 cucchiaio di miele
40 g di burro

Versare la farina nella planetaria e scavare un buco al centro.
Sciogliere il lievito nel latte tiepido, nello stesso recipiente aggiungere l’acqua e il miele e mescolare.
Avvitare il gancio,  aggiungere i liquidi preparati e impastare per 5 minuti.
Spegnere, aggiungere il sale e il burro e riavviare la planetaria sino ad ottenere una massa morbida e liscia.
Spennellare di olio una insalatiera e versare l’impasto, coprire con un canovaccio e mettere in forno per 2  di ore circa con la lucina accesa, in modo che dia calore per la lievitazione.
L’impasto era poco meno di 900 g, quindi dividerlo in 3 parti e inserire ogni pezzo nel tubo unto di olio e chiuderlo con i coperchi .
Lasciare lievitare ancora 1 ora circa con i tubi sdraiati in  una teglia bassa per pizza.
Togliere la teglia dal forno dopo la seconda lievitazione, e accendere il forno a 200°.
Al punto giusto inserire la teglia e cuocere 15 minuti a 200° a subito dopo abbassare a 170° e continuare per altri 15 minuti senza aprire il forno.
Togliere i tubi e metterli sulla griglia per poco, quel tanto per non ustionarvi i ditini.
Toglierli dai tubi pressando leggermente per farli uscire, lasciarli completamente raffreddare prima di tagliarli.






Antipastini veloci per due montanari affamati



Stellina con purè di zucca e sgombro - le altre due sono con piccole barbabietole e sgombro


Mentre preparavo, marito e cognato andavano avanti a pizzicare.


Alla fine ho chiuso il rubinetto per loro ... e mentre chiacchieravano, mi sono presa due stelline e nel mezzo ho messo il salame nostro ^______^ libidine pura ragazzi.


domenica 16 dicembre 2012

Regali d'inverno

REGALI d'INVERNO

Eccovi un'altra carrellata di foto recenti, in attesa di trovare quello che cerco.
Buona domenica a tutti


Foto di mia nipote ... finestra della cantina incorniciata dalla legna. Non è difficile da queste parti trovare   le finestre delle case incorniciate dalla legna, occupano posto e si sistemano dove si può.


Non ci crederete, ma questa piantina è incastonata nella fessura di un muro verticale e 3 giorni fa era ancora così come la vedete. Credo che per il momento non appassisca perchè è una delle poche piante che sopravvivono al Generale


Cespuglio di vischio


Nonostante il Generale Inverno quest'anno sia inclemente, abbiamo delle giornate veramente meravigliose, molto spesso non ci sono neppure quelle nubi bianche a disturbare l'azzurro intenso che ci circonda,


In alto un cespuglio di vischio


Iniziamo il prodotto principe del freddo ... ^________^



Se alle 2pm il panorama è questo ... potete immaginare quanto siano calde (bbrrrr) le giornate.


Ghiaccio


Ghiaccio


La foto di questo passerotto me l'ha passata Renato un amico friulano che trovo in fb