Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

giovedì 9 dicembre 2010

Alberelli e stelle comete


Seee, ingrassano loro ……
Quelli sono mostriciattoli senza fondo. Al solo vedere questi dolcetti aumento per benino :- ))),
loro no, mangiano di tutto che è un piacere e io mi consolo mettendo in pratica la mia fantasia.
Non mi sgridate, sono pigra e non me la sento di cimentarmi con la pasta sfoglia, perciò trovo più comodo e pratico acquistarla già pronta..
Avreste dovuto vedere le “fibrisse” (i baffi) dei miei orsi come ballavano insieme agli occhi, alla vista del piatto con sopra questi dolcetti … uno spettacolo



ALBERELLI e STELLE COMETE

2 rotoli di pasta sfoglia Giovanni Rana
nutella o lemon curd - ciò che vi garba
poca marmellata di albicocche
granella di zucchero
mompariglia
zucchero a velo

Srotolare una sfoglia sulla spianatoia lasciando sotto la sua carta.
Ritagliare l’impasto con le formine ad albero di Natale e a stela cometa.
Trasferire il foglio con gli alberelli e le comete sulla placca del forno.
Con un pennellino bagnare i bordi con l’uovo sbattuto.
Delicatamente appoggiare sopra un poco di nutella e chiudere con altri alberelli o comete ritagliati dall’altra sfoglia srotolata.
Non schiacciare troppo i lembi, fare giusto una leggera pressione per sigillare il tutto.
Diluire poca marmellata con pochissima acqua o liquore da voi preferito e spruzare con granella di zucchero o con mompariglia (o codette colorate ).
Infornare a forno caldo 200° per 20 o 25 minuti.

*** Si possono fare anche in forma salata, mettendo come ripieno un poco di mousse o formaggio filante o ciò che la fantasia consiglia.
In questo caso le superfici devono essere spennellate con latte e coperte di semini – papavero, sesamo, paprika o altro.


6 commenti:

T. Tiziana ha detto...

carucci carucci!!

morena ha detto...

Ho l'acquolin in bocca solo a vederli poi....lemon curd!! L'adoro forse anche perchè è una cosa del mio passato di bimba che mangiavo quando vivemamo in Scozia e....io lo faccio in casa ogni tanto ed è una squisitezza che una volta assaggiato quello industriale poi fatichia acomprarlo. Sono diventata tua fallower e da ora seguirò te e i tuoi manicaretti perchè mi intrigano!! Morena

Rosetta ha detto...

Titti, sono anche buonucci.
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Morena, grazie per i tuoi complimenti e per esserti iscritta come lettore fisso, io mi ero già iscritta al ruo blog, i tuoi lavori mi piacciono un sacco ma purtroppo non riuscirò mai a copiarteli, non ho manualità.
Mandi

pâtes et pattes ha detto...

che buoni! Noi li preferiamo dolci! brava!

Rosetta ha detto...

Ciao Helga, baciotti tantissimi a Magalì sulla punta del nasino !
Mandi