Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

giovedì 30 dicembre 2010

Gulasch di oca e poesia di Guido Gozzano

Non ho la foto, ma per capodanno preparerò il gulasch di oca che faceva nonna Maria.
I funghi champignons non c’erano ma era facile avere dei buoni chiodini conservati dall’autunno inoltrato.
Dai, ve la racconto tutta …
a capodanno Orsino andrà con la morosina ad aspettare il nuovo anno a casa di amici al Passo del Tonale e gli invitati porteranno ognuno qualche cosa, è per questo che non farò in tempo a farvi la foto
… però vi regalo una bellissima poesia significativa di Guido Gozzano.



GULASCH di OCA e champignons

per 4 persone

4 cosce di oca
1 carota
1 cipolla
2 gambi di sedano
4 patate medie
400 g funghi champignons
1 lt ½ di brodo vegetale o brodo di ossa d’oca
½ cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaino di paprika piccante
2 spicchi di aglio
olio ex v o – q.b.
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale q.b.


Togliere la pelle alle cosce, disossarle e tagliarle a bocconcini.
Pulire i funghi, tagliarli solo a metà, lavarli e stufarli in una casseruola per fargli uscire tutta l’acqua di vegetazione, scolarli e passarli velocemente sotto l’acqua fredda.
Strizzarli , tritarli grossolanamente e passarli in padella con olio aglio e prezzemolo.
In una casseruola rosolare con l’olio la carota, la cipolla e il sedano battuti finemente, unire gli spezzatini d’oca, lasciarli insaporire e poi aggiungere le paprike, i funghi, il sale e rosolare bene insieme.
Unire il brodo bollente e cuocere per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo altro brodo se serve.
Mettere insieme i tocchetti di patate (precedentemente sbucciate e lavate), e portare a cottura aggiungendo brodo ogni volta che serve.
Aggiustare di sale e servire ben caldo con polenta bianca se la trovate o con polenta a fette gratinata.


La differenza
Penso e ripenso: -
Che mai pensa l'ocagracidante alla riva del canale?
Pare felice!
Al vespero invernaleprotende il collo, giubilando roca.
Salta starnazza si rituffa gioca:
né certo sogna d'essere mortale
né certo sogna il prossimo Natale
né l'armi corruscanti della cuoca.
- O pàpera, mia candida sorella,tu insegni che la Morte non esiste:
solo si muore da che s'è pensato.
Ma tu non pensi.
La tua sorte è bella!
Ché l'esser cucinato non è triste,
triste è il pensare d'esser cucinato.

(Guido Gozzano, La via del rifugio)

12 commenti:

le Frufrù ha detto...

Ciao ho letto sul mio blog di cucina (il Giulebbe) che volevi sapere come ho fatto gli alberelli.
Facilissimo! ti lascio due link per vedere!
Un bacio!

ps bella la poesia...unico dubbio...mi sa che quando stanno per morire gli animali se ne accorgono e non sono proprio incoscentissimi.


Qui la mia versione:

http://lefrufrublog.blogspot.com/2010/12/i-miei-alberi-di-natale.html

qui le spiegazioni:

http://www.marthastewart.com/how-to/paper-evergreens

Buon Anno e buone ricette!

Rosetta ha detto...

Frufrù !
ma tantissime grazie !
Per gli animali i dubbi sono anche miei, loro soffrono eccome !
Buon anno

pâtes et pattes ha detto...

Auguri di cuore per un 2011 sereno! Con affetto Helga e Magali e ... complimenti per il gulasch!

Rosetta ha detto...

Grazie Magali, un baciotto molto tenero e pelosetto anche a voi !
Buon Anno
Mandi

Laranjinha ha detto...

Rosetta,

votos de um ano de 2011 cheio de alegria.

Um beijinho

Stefania ha detto...

Happy New Year ♥
Moltissimi Auguri
per uno splendido 2011

Gunther ha detto...

bella la poesia di Gozzano, mi piace molto i i miei migliori auguri di Buon Anno 2011, sai che non ho mai adoperato l'oca

Rosetta ha detto...

Larangjina, anche a te tantissimi auguri di Buon Anno.
Beijos

Rosetta ha detto...

Stefania, Augurissimi anche a te.
Mandi

Rosetta ha detto...

Gunther, io sono nata vicino a Mortara (PV), terra delle oche da sempre ... a settembre c'è persino una sagra.
Il salame d'oca, insaccato nel collo, è una prelibatezza unica, poi ci sono i prosciuttini (fatti con le cosce, i ciccioli e dell'ìoca si gusta veramente tutto.
Quello che non ho mai mangiato è il "fois gras"
Buon anno e che sia più generoso e migliore di tutti quelli passati.
Mandi

anna ha detto...

Tanti auguri Rosetta!
Buon anno nuovo!
Un abbraccio!

Rosetta ha detto...

Un abbraccione e tantissimi auguri anche a te Anna.
Mandi