Foto Rosetta marzo 2017

Foto Rosetta marzo 2017
Primavera ad Ampezzo

lunedì 25 aprile 2016

Torta 74











Anche i nonni compiono gli anni e ieri era quello di nonno Calo, alias Orsomio "Carlo".
Matteo (Orsino) ed io, abbiamo pensato di preparargli una buona torta a quattro mani e devo dire che ha avuto un grande successo.
Io ho cucinato e lui ha assemblato ... eravamo una squadra vincente !!!






CARLO





TORTA 74

PAN DI SPAGNA di Sergio Salomoni
Accendo il forno (normale, non ventilato) a 180°
e preparo imburrata e infarinata uno tortiera a cerniera apribile da 26 cm.
In una bacinella monto con le fruste dello sbattitore elettrico
4 uova medie intere (non fredde di frigo),                                    6 uova
150 gr di zucchero semolato,                                                          225 gr zucchero
un pizzico di sale                                                                  1 pizzico di sale
e una bustina di vanillina
.                                                   1 bustina di vanillina
150 di farina  00                                                                  225 g farina 00
4 cucchiai per volta leggi sotto
Comincio a bassa velocità e arrivo alla massima, finchè il composto "scrive":
cioè alzando le fruste si forma una fettuccia che ricade nella bacinella e rimane per un poco in evidenza, come se fosse un disegno, sulla superficie; non sono mai andato oltre i 10/12 minuti di sbattitura.
A questo punto tolgo lo sbattitore e incorporo
150 gr di farina di tipo 00:
quattro cucchiai alla volta,

attraverso un setaccino e mescolando con un cucchiaio di legno dal basso verso l'alto con GRANDE, GRANDE delicatezza.
Verso nello stampo, livello la superficie e metto in forno per 30/35 minuti.
Il lievito proprio non ci vorrebbe: caratteristica del pandispagna è la lievitazione a piccolissime bolle, che gli conferiscono, nello stesso tempo, compattezza e morbidezza; questo si ottiene solo con la lievitazione dovuta alle uova.
***  Per avere il pandispagna al cioccolato, sostiuisci 30 g di farina con altrettanto cacao amaro, setacciato assieme alla farina, e aumenta di 20 g lo zucchero.
sergio salomoni
***  Adopero questa ricetta da almeno 20 anni, senza problemi. Poi, naturlamente, dipende da come funziona il forno. Non faccio mai, però, raffreddare i dolci nel forno spento, perchè si seccano eccessivamente
Sergio Salomoni
*** in rosso ci sono i quantitativi che ho usato io.

CREMA PASTICCERA è la crema più usata in pasticceria per ogni tipo di dolce. La preparazione è semplice anche per un'azzeccagarbugli come me che di pasticci ne combino a sufficienza.Questa ricetta à facile è veloce, ci vogliono giusto dieci minuti di cottura!

INGREDIENTI
1 lt  di latte
200 gr di zucchero
180 gr di farina (10 cucchiai)
8 tuorli di uova
1 bustina di vanillina
buccia di 1 limone solo giallo senza bianco
PROCEDIMENTO
Versare in una pentola il latte, lasciandone due bicchiere a parte.
Aggiungere 100 gr di zucchero e mescolare.
Intanto montare i tuorli delle uova in una ciotola con lo zucchero rimanente sino ad ottenere una crema spumosa.
Appena il latte nella pentola arriva ad ebollizione, aggiungere la farina setacciata poco alla vola e continuare a mescolare.
Aggiunta tutta la farina, unire  la crema spumosa ed i bicchiere di latte tenuto a parte e riscaldato.
Mescolare aggiungendo anche la vanillina e la buccia di limone.
Mescolare di nuovo  finchè la crema ritorna a bollire e lasciarla rapprendere per bene.
Toglietela dal fuoco, lasciarla raffreddare e tenerla a disposizione. 


INOLTRE:
fragole
lamponi
mirtilli
1 tazza di spremuta d'arancia
gelatina trasparente per non lasciare annerire la frutta


ASSEMBLAGGIO:
Preparare la torta il giorno prima (così vi portate avanti con il lavoro).
Preparare la crema pasticcera ed infine lasciarla raffreddare.
Tagliare la torta come desiderate (in due o tre parti) ... qui è entrato al lavoro di precisione il Pargolo.
Spremere l'arancia e tenerla a disposizione.
Lavare la frutta, asciugarla bene e tenerla a disposizione.
Su un piatto piano appoggiare un disco di pan di spagna, spennellate la superficie con succo d'arancia.
Con una spatola fare un primo strato di crema pasticcera.
Appoggiare un altro disco di pan di spagna, spennellare con spremuta d'arancia e un buon strato di crema.
Coprire con l'ultimo strato di pan di spagna, spremuta d'arancia e un generoso strato di crema.
Ora spalmare pian piano la crema pasticcera sul bordo della torta e livellarlo neme.
Decorare con la frutta come preferite.
Ed infine spremere la gelatina sulla frutta in modo che questa non si annerisca.




*** Da quando ho conosciuto Sergio, ho sempre seguito pedissequamente alcune sue ricette (sopratutto dolci) e mi sono sempre trovata bene.


*** per la gelatina ho preso quella spray del supermercato ...
Montersino docet: non vale la pena preparare la gelatina in casa per poca roba, non sempre viene bene.

8 commenti:

Tomaso ha detto...

Tanti e tanti auguri al nonno Carlo, e cento di questi giorni cara Rosetta!!!
Mandi Tomaso

tesselleelle ha detto...

Mamma mia che meraviglia Rosetta! bella e buonissima mi sembra di sentirne il profumo e il sapore, Complimenti e auguri!

Bacioni,
Laura

Monica F. ha detto...

che dire...stupenda la torta e tantissimi auguri!

Batù Simo ha detto...

Matteo ha assemblato la torta IN MODO PERFETTO!!! tale nonna-tale nipotino! (me lo presti?)
Tanti cari auguri a Carlo :-) e tanta felicità a tutta la tua famiglia

Rosetta ha detto...

Grazie Tomaso, un affettuoso abbraccio
Mandi

Rosetta ha detto...

Grazie Laura, era buonissima.
Buona serata
Mandi

Rosetta ha detto...

Grazie Monica, era veramente di effetto.
Buona serata
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Simo, Matteo è il cucciolone mio che si sposerà a fine maggio.
In cucina è veramente bravo (sua sorella una schiappa).
E' stato bravo.
Buona serata
Mandi