Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

sabato 15 ottobre 2011

Ćevapčići

Ormai i ćevapčići hanno preso piede anche in casa mia, me li procura la mia amica Angela di Udine; suo marito Marco li cucina ottimamente alla griglia … ma chi di griglia è sprovvisto, se li cucina nella comunissima padella ai ferri e quando sono cotti bene, sono altrettanto buoni.

Perdonatemi ma non ho fatto in tempo a servirli nei piatti che già erano mozzicati.

Va bè, avrò modo di prepararli ancora.

Ecco un po’ di storia di queste deliziose polpette dei Balcani ( nozioni tratte da http://sampeifanclub.forumcommunity.net/?t=41498357 )


Le origini dei Ćevapčići
Secondo quanto riporta Branislav Nušić, i ćevapčići vennero serviti per la prima volta a Belgrado intorno al 1860 nella trattoria "Da Tanasko Rajic" nei pressi del Grande Mercato (oggi Piazza degli Studenti). Il proprietario della trattoria, il padrone Živko (che si suppone abbia avuto origini dalla regione di Leskovac), secondo le parole di Nušić, si era così arricchito che con il guadagno riuscì a costruire una chiesa nella sua regione d'origine.

I Ćevapčići sono un piatto a base di carne trita, variamente speziata.
Tipici della cucina dei paesi della penisola balcanica, sono ampiamente diffusi anche nelle province di Trieste e Gorizia ed in alcune zone della provincia di Udine e parte dell'Austria.
Si presentano come polpettine cilindriche del diametro di un paio di centimetri e della lunghezza di 7/8 centimetri. Sono solitamente composti di carne di maiale, manzo e agnello, cipolla tritata finemente, pepe e paprica dolce. Vengono generalmente serviti cotti al barbecue, sulla griglia o alla piastra. Solitamente si gustano con cipolla tagliata a dadini o anelli, ed ajvar, una salsa piccante preparata con peperoni rossi macinati e spezie. Una variante li vede infarinati e rosolati in padella.

4 commenti:

Stefania ha detto...

li ho sempre visti, e preparati, più piccoli e non nello spiedo. mi piacciono anche così da mangiare direttamente con le mani. un bacione

Rosetta ha detto...

Stefania, dalle tue parti sono molto conosciuti, io è da poco che ho fatto la loro scoperta.
Ma sono di un buono galattico.
Mandi

raffy ha detto...

chissà che buoni!!! li voglioooooo

Rosetta ha detto...

Raffy, sono piccantini come piacciono a me, e sono di un buono da sballo.
Buona domenica
Mandi