Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

lunedì 11 agosto 2014

La nipote di Monselice mi ha chiesto se le preparavo un pò di caponata che le piace tanto ...
Mi ha portato 2 melanzane bianche (che non avevo mai mangiato-solo viste) e quindi mi sono messa all'opera.
I nipotini Londinini hanno visto le foto e si sono già prenotati la scorta per la prossima settimana, l'hanno battezzata la Caponata di papà nasone ...
La fantasia dei bambini è grande, ho spiegato che non ho le melanzane bianche ma mi hanno detto che ne basta una grande col nasone e due più piccole e anche se sono tutte viola non fa niente. Bella lì
La Caponata è un piatto tipico della bellissima cucina siciliana, la caponata è un contorno, ma anche un antipasto, a base di melanzane. La sua caratteristica principale è proprio quella del suo gusto agrodolce, dovuto alla presenza di aceto e zucchero tra gli ingredienti.
Di versioni originali ce n’è a  iosa,  la sua preparazione varia  però da casa a casa, con  l’aggiunta di alcuni ingredienti a seconda delle zone della Sicilia in cui la si mangia, le aggiunte sono  uvetta e pinoli, o mandorle. La sua preparazione è semplicissima, il suo sapore è straordinario ma, per gustarla al meglio, lasciatela riposare un giorno in frigo e gustatela a temperatura ambiente fresco - ma mi raccomando, portate in tavola tanto pane.

CAPONATA di MELANZANE
2 melanzane bianche
1 melanzana panciuta
200 d  di passata di pomodoro  Mutti
200 gr di olive nere snocciolate
1 cuore di sedano
capperi a volontà
1 cipolla bianca e grande
un mazzetto di basilico
1 cucchiaio raso di zucchero
1/2 bicchiere d’aceto
sale q.b
olio per friggere
In una padella tipo wok, soffriggere la cipolla mondata e tagliata a pezzetti, appena inizia ad imbiondire unire il sedano lavato, ben sgrondato dall’acqua e tagliato a rondelle.
Lasciare insaporire e unire la passata di pomodoro
Apperna il sughetto inizia ad asciugarsi, aggiungere i capperi, le olive, lo zucchero e l’aceto.
Mescolare, lasciare insaporire e cuocere appena per un paio di minuti.
Trasferire tutto in una capiente terrina, mescolare di tanto in tanto e lasciare riposare e raffreddare.
Ora tagliare le melanzane a dadetti più o meno grossi secondo preferenze individuali e friggerle in abbondante olio.
Man mano che sono pronte, scolarle nella carta assorbente, lasciarle leggermente raffreddare, salarle poco poco e unirle nella terrina con le altre verdure.
Mescolare, unire il basilico tagliato sottile, rimestare spesso anche quando è tutto pronto.
Appena è tutto raffreddato, chiudere la terrina con pellicola e riporre in frigorifero …
IL GIORNO DOPO E’ PIU’ BUONO
Togliere dal frigorifero un’oretta prima
*** Buonissima sia come antipasto che come contorno.






8 commenti:

simona gentile ha detto...

che belle melanzane Rosetta...e che piatto!!!!!buonissimo!ti abbraccio a presto simona:)

Ely ha detto...

Ahah, di papà nasone!! :D Teneriii! <3 Chissà che buona e sai che non ho mai assaggiato nemmeno io le melanzane bianche? Una caponata che davvero mi fa gola, amica mia! Mandissimo a te e ai bimbi, con un bel bacione :)

Tomaso ha detto...

Cara Rosetta, rieccomi in tempo per poter gustare questa straordinaria caponata!!!
Ciao e buona settimana, un abbraccio forte.
Tomaso

Rosetta ha detto...

Ciao Simona, buona continuazione di ferie !
Un bacione
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Ely, ... hanno il sapore della melanzana, in ogni caso la caponata è ottima.
Bacione grande anche a te.
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Tomaso mio, appena ne preparo altra, te ne mando (virtualmente) una abbondante porzione.
Buona serata e un abbraccione anche a te.
Mandi

accantoalcamino ha detto...

Io la adoro, adopero le melanzane lunghe, le bianche le avevo in terrazza un anno, ma erano solo 2:-D
Sel'hai conservata quandoarrivo (erriddaie!) me la pappo :-P

Rosetta ha detto...

Eheee Libera, ne avevo solo due che mi ha portato la nipote di Monselice
Quindi se proprio ti piacciono, vedrò se trovo i semi per l'anno venturo.
Buona giornata
Mandi