Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

venerdì 20 febbraio 2015

Zuf o Suf Cjarniel (di Carnia)





Vergognosa che sono, ho fatto la Mona di Spagna e non ho ancora fatto il Zuf (Suf) della nuova regione dove ormai penso di stabilirmi definitivamente.
Qui da noi è molto semplice, solo farina di polenta e di frumento con acqua latte e poco burro.
Il Zuf è un piatto tipico che una volta non mancava a colazione, nelle gelide mattine d'inverno e non era disdegnata neppure per la cena serale.
Zuf - Suf - Mesta - Pestarei
Zuf in friulano ha il significato di miscuglio.
Ogni tipo è fatto con polenta calda e altri ingredienti che variano da zona a zona e sopra si versa latte freddo.
Nella cucina pordenonese assume il nome di Mesta o mesta furlane, Pastarei o Pestarei nella bassa friulana.
E anche queste si preparano  con zucca e farina di mais, fagioli uniti a latte e burro.
Le varianti sono:
- Anche di sola farina di mais versione arricchita con un 10% di burro unito alla polenta prima di servire 
- Mus: preparazione della cucina trentina e cucina bellunese, simile, le farine vengono cotte in acqua e latte, con acqua al 50% del latte, il burro vuso viene versato sopra, infatti non si serve con il latte.
- Zuf con zucca e fagioli: zucca a dadini con  lardo e  burro da soffriggere e schiacciare,


- Zuf di zucca servito con fonduta di Montasio, radicchio padellato e pancetta rosolata, eventualmente tirata con aceto.




ZUF O SUF CJARNIEL (DI CARNIA)
per 4-6 porzioni

175 g farina gialla di polenta
125 g farina bianca 00
25 g   burro
500 ml acqua
500 ml latte
sale
+ latte freddo a piacere ... che sia latte intero appena munto slurp

Mescolare acqua e latte in un paiolo e portare a ebollizione a fiamma moderata.
A parte mescolare le farine 
Raggiunto il bollore salare e mescolando in fretta con una frusta, versare a pioggia le farine, cercando di evitare che si formino grumi.
Mescolare spesso e dopo 40 minuti circa unire il burro.
Lasciare sciogliere il burro, mescolare e versare il zuf nelle scodelle.
Versare sopra allo zuf bollente, il buon latte di mucca freddo.

Qui trovate la vecchia Mesta che avevo fatto molto tempo fa ma mi era venuta così così anche perchè ero senza quantitativi
http://ilfogolar.blogspot.it/2013/02/mesta-carnica.html#links

Andava una polentina più morbida, ma ci ha riscaldato e saziato alla grande.


16 commenti:

M.LUISA Zaza ha detto...


Ciao,confesso che mi è tutto nuovo,non deve essere male,mi fido di te.
Ma dove ti trasferisci?Non devo preoccuparmi vero?Non voglio perderti amica preziosa,un bacio,Luisa.

Batù Simo ha detto...

adoro leggere le tue chicche della tradizione, sarai anche milanese e friulana di adozione ma sono certa, ne sai più tu di tanta gente del posto, questa polenta la sto mangiando con gli occhi. sai mio figlio mi ha appena regalato, per il mio compleanno, il paiolo in rame, devo ancora fargli onore, mmmmm quasi quasi provo lo zuf!

Ale ha detto...

che bella idea!

Angelica M ha detto...

Non conoscevo questo piatto! è molto nutriente! Bravissima cara Mandi! Un bacione e buon weekend! :)

Rosetta ha detto...

Ciao Luisa, ormai è un anno intero che sono qui in montagna e di MI proprio non sento la mancanza.
Sono ben integrata, è un paesino piccolo e c'è ancora tanta umanità.
Buona serata amica mia, un bacione
Buona notte.
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Simo, il Friuli mi è sempre piaciuto e perciò mi piace informarmi e leggere usi e costumi dei posti.
La cucina è fantastica, povera ma generosa.
Buona serata
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Ale, grazie per la visita.
Buona notte
Mandi

Rosetta ha detto...

Buon fine settimana anche a te Angelica.
Buona notte
Mandi

edvige ha detto...

Da noi SUF ma fatto solo con il semolino. Grazie cara.Buona fine settimana,
Mandi

speedy70 ha detto...

Quanto mi piacciono queste ricette della tradizione... grazie Rosetta!!!

carmen ha detto...

Ciao Rosetta, anche nel bergamasco esiste una ricetta simile, dal nome impronunciabile, ( credo "borfadei" o "sbrofadei" o qualcosa di simile…) è vero che molte zone di montagna avevano a disposizione più o meno gli stessi ingredienti…Io però non l'ho mai assaggiata, proverò la tua ricetta, buona settimana!

Rosetta ha detto...

Edvige, l'idioma friulano varia tantissimo anche da paese a paese, quindi ognuno ha il suo.
Buona serata
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Speedy, adoro le ricette della tradizione e ancora di più quelle friulane ... semplici e nel contempo gustose.
Buona serata
Mandi

Rosetta ha detto...

Tutto il mondo è paese Carmen, gira e rigira la cucina povera usufruiva di pochi ingredienti e con quelli facevano miracoli.
Buona serata
Mandi

Mila ha detto...

BOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!! Mai sentino neanche nominare questo piatto!!!

Rosetta ha detto...

Mila, le guance di manzo sono dei pezzi tenerissimi e buoni
Buona serata
Mandi