Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

giovedì 20 agosto 2015

Lago di Redona





Lago stupendo che ho visto un paio di volte ma solo di sfuggita. Ora l'ho messo in nota fra le gite da fare con molta calma e permettermi di godere il paesaggio in santa pace.
Per noi la strada più breve per raggiungere Tremonti è quella del Mont di Rest, zona impervia molto selvatica;  per contro la strada statale è ben tenuta.
Vi riporto queste belle immagini perchè nel sito "La Valcosa e dintorni" di fb che frequento, ho trovato questa bellissima leggenda che desidero farvi conoscere ed è stata inviata da Ana Theodorescu.
https://www.facebook.com/groups/860601120636638/permalink/1165876273442453/

Il LAGO di REDONA



Mi dispiace ma più grande di così non riesco ad ingrandirvi l'articolo del Messaggero Veneto che trovate qui:  
http://messaggeroveneto.gelocal.it/tempo-libero/2015/08/15/news/alla-scoperta-del-friuli-1.11938596
Il lago di Redona (conosciuto anche come lago di Tramonti) ai suoi livelli-limite mostra colori straordinari e rispecchia i "suoi" monti .


In tempo di siccità spuntano dall’acqua gli scheletri delle case inghiottite dal Meduna negli anni ’50. 
La Sade costruì la diga che trasformò la vita della Val Tramontina: i residenti costretti ad andarsene
foto e testo di Giuseppe Ragogna
In tempo di grande secca rispuntano dal lago di Redona i pochi ruderi rimasti del vecchio borgo di Movada. E' uno spettacolo straordinario, che capita nelle estati più torride e senza pioggia. Sono gli scheletri delle poche case di sassi inghiottite dal torrente Meduna, nei primi anni '50, quando fu ultimata la diga costruita sulla strettoia di Ponte Racli. Da quel momento cambiò radicalmente la vita della Val Tramontina.
L'acqua, respinta indietro dallo sbarramento in calcestruzzo, sommerse rapidamente tutto ciò che era rimasto nell'ampio pianoro circondato dalle montagne: gli edifici di architettura rurale con i ballatoi in legno, le stradine delimitate dai muretti a secco, le stalle ordinate, gli orti ben coltivati. Si portò via il "piccolo mondo" che da decenni raccoglieva la ricchezza umana di storie vissute.
Fu strappata l'anima a tre tranquille comunità locali, che vantavano un'orgogliosa identità: Movada, Flour e Redona vecchia, successivamente ricostruita più in alto (dov’è oggi). Il ricordo fu lasciato soltanto ai puntini fissati sulle poche cartine geografiche in circolazione, ma giusto il tempo per la loro riedizione aggiornata, poi tutto sparì nel nulla. La memoria rimase nel cuore dei pochi abitanti: alle nuove generazioni resteranno frammenti sempre più sbiaditi. Una fiammella di candela che si sta spegnendo.

Riaffiora il passato (la vecchia borgata abbandonata)  e il lago di Redona, a Tramonti di Sotto, in questi giorni è méta di turisti, che tornano nei luoghi cancellati dall’acqua dell’invaso (Foto di Giuseppe Ragogna) "La Valcosa e dintorni" di FB








AGGIORNAMENTO  Vedi Post successivo

4 commenti:

Guacimara Hernández ha detto...

Un lugar precioso con unas fotografías estupendas. Besos!

Rosetta ha detto...

Tenemos un número de otros países inundado para dar paso a los embalses de lagos artificiales que producen electricidad.
Es una pena, pero se llevó han destruido muchas hermosas piezas de nuestra historia.
Guaciara Hola, buenos días
Un abrazo cariñoso
Rosetta

Sabrina Rabbia ha detto...

DA MOLTO TEMPO NE SENTO PARLARE,DEVE ESSERE BELLISSIMO!!!!BACI SABRY

Rosetta ha detto...

Ciao Sabrina, pur avendolo ragionevolmente vicino, l'ho visto di sfuggita solo un paio di volte.
Finita l'estate e tornata la calma anche nel traffico, mi sono ripromessa di fare un bel giro con mio marito.
Buon fine settimana
Mandi