Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

mercoledì 19 marzo 2008

Festa del papà e storia-San Giuseppe e ricetta





















ORIGINI DELLA FESTA DEL PAPÀ

La ricorrenza della Festa del Papà, è il 19 marzo lo stesso giorno della Festa di San Giuseppe protettore dei poveri, gli orfani e le ragazze nubili,
San Giuseppe era falegname e quindi è anche protettore dei falegnami che da sempre sono i promotori della sua festa.

Come al solito, questa usanza arriva dagli Stati Uniti dove iniziarono questo particolare festeggiamento ai primi anni del 1900, quando una giovane donna volle dedicare una giornata speciale al suo papà.In principio la festa ricorreva in giugno proprio il giorno del compleanno del Signor Smart alla quale fu dedicata.

Quando giunse in Italia si decise di festeggiare il giorno della festa di San Giuseppe.

Nacque come Festa Nazionale, gli uffici, le fabbriche e le scuole facevano vacanzae tutto era chiuso, tuttavia in seguito fu abrogata ed oggi, nonostante sia tornato un giorno lavorativo, l’usanza è rimasta radicata ed è un’occasione per le famiglie e soprattutto per i bambini, di festeggiare i loro papà.

In questa festa del 19 marzo, si mantengono due manifestazioni celebri, che si celebrano un po’ in tutte le regioni d’Italia:I falò, perché San Giuseppe coincide con la fine dell’inverno e si è sovrapposta airiti pagani del passato per la purificazione agraria.

In questa occasione si bruciano i residui del raccolto sui campi e grandi cataste di legno vengono accese in piazza, quando il fuoco sta per spegnersi i più temerari lo scavalcano con grandi salti e intanto le vecchiette filano e cantano inni per San Giuseppe.

Mentre fuori le cataste bruciano, le giovani donne e mamme preparano le zeppole, le famose frittelle che cambiano ingredienti e nome, da regione a regione.

Questi dolci sono il piatto tipico della Festa di San Giuseppe.In Lombardia si chiamano più semplicemente Frittelle o Tortelli di San Giuseppe e, ecome al solito, ogni famiglia ha la sua ricetta.

A SAN GIUSEPPE si preparano i Tortelli che assumono diversi nomi, da regione a regione.

Quella che vi trascrivo, è la versione di Giuseppe Fontana, noto Chef del famoso Ristorante Savini della Galleria Vittorio Emanuele di Milano.


I TORTEI A LA MILANESA
In d’ona cazziroeula, ma de ramm
fa buj mezz liter d’acqua misuraa,
cont on stecc de vaniglia, on gram de saa,
butter on etto, zuccher trenta gramm.

Pena la bui tirala indree dal foeugh
mettegh trii etti e mezz de farina
ben sedazzada e de la pusse fina
e, cont un cugiaron ben fòrt de coeugh,

fa ona polenta lustra e senza fraa.
Mettela a foeugh ammò per minga men
d’on des minutt e fala coeus ben ben,
seguitand a impastala col cugina.

Quand lìè còtta, vojala in d’on baslòtt
a fiadà on tri minut, poeu dent on oeuv
e impastel, dent on alter de bell noeuv
e impàstel, dent on olter e dagh sòtt.

remèna, dai messed a pu non pòss
vun a vun ghe se va den on vott almen.
Pu la pasta l’è lavorada ben
pù i tortei sortiran e bon e gròss.

Chi la pasta l’è pronta. Per fai coeus
ghe voeur padella larga e òli fin
e de mettei giò a òli tevedin
per fai fiorì ‘me i roeus.

Mettei in l’oli a cugiaa, lassai levà
adasi rimovendei dent per dent,
e quand poeu in bie sgonfi, bei s’cioppent,
sforza el fornell e svelt fai indorà.

Sin per un vott mè l’è sta dose chi
conven ciappà on para de padell:
vuna calda per fai levà bell, bell,
l’altra bujenta per fai colorì.

La pasta poeu, per ves el pont, sicura,
l’ha de ves ben ben liscia e tenerella
e menada on poo prim de andà in padella
giontantegh anmò on oeuv se l’è on poo dura.

Sortiran bei e bon fasend inscì.
Portai cald, ma ben cald, inzipriaa
con el zuccher, al vell quell vanigliaa.
E… fen pur ona pell anca per mi ! …
Giuseppe Fontana – Chef del Ristorante Savini - Milano

Nessun commento: