Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

martedì 18 marzo 2008

Ovetti sott'aceto










Un tempo questa preparazione si trovava comunemente nelle osterie, sul bancone della mescita.

In genere era un piccolo stuzzichino che i carrettieri ed altri viandanti gustavano con un generoso bicchiere di vino; ora ve li propongo come stuzzichino da inserire fra gli antipasti di un pranzo o di un buffet.

OVETTI sott'ACETO

24 uova di quaglia

1 litro di aceto di vino bianco

2 chiodi di garofano

3 bacche di ginepro

1 cucchio di zucchero

1 cucchiaino di senape in grani

1 cucchaino di pepe colorato misto in grani

1 peperoncino rosso dolce

sale

Lavare le uova delicatamente, adagiarle in un unico strato in una larga casseruola e ricoprirle di acqua fredda salata. Da quando inizia il bollore calcolare 4 min.di cottura. Raffreddarle subito sotto l'acqua corrente e sgusciarle.

Preparare in un tegame l'aceto con lo zucchero, le spezie ed il peperoncino tagliato a rondelle. Cuocere a fuoco moderato per 10 min. Mentre il liquido si raffredda, sistemare le uova nei vasetti, coprirle con l'aceto speziato, in modo che ci siano almeno un paio di cm in più di liquido.

Chiudere ermeticamente i vasetti e lasciare in frigo per almeno 2 giorni.

Le spezie servite per aromatizzare l'aceto, possono essere versate nei vasetti o si possono togliere a piacere e a gusto.

Nessun commento: