Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

lunedì 19 maggio 2008

Tagliatelle all'erba del buon Enrico e salsiccia










TAGLIATELLE all’ERBA del BUON ENRICO

Per 4 persone (dosi piccole)

Per la pasta
Erba del buon Enrico lessata, 1 pugno strizzato poco più grande di una palla da tennis
200 g circa di farina 00
1 uovo + 1 tuorlo

Per il sugo
Salsiccia a nastro quantità a piacere
1 spicchio d’aglio passato allo spremi aglio
1 dado Star ai funghi
½ bicchiere di pinot grigio
½ cucchiaino di triploconcentrato di pomodoro Mutti
Olio q.b.

Pasta
Tritare con il tritatutto l’erba del buon Enrico e versarla nella ciotola dell’impastatrice, aggiungere 1 uovo intero più 1 tuorlo, la farina e avviare l’impastatrice.
Impastare sino ad ottenere un panetto liscio e della giusta consistenza.
Estrarre l’impasto, appoggiarlo sulla spianatoia, coprirlo a campana con una terrina e lasciarlo riposare per una mezz’oretta circa.
Applicare al Ken la sfogliatrice e, trascorso il riposo, passare l’impasto sino al passaggio n° 5 che secondo me è lo spessore adatto per il tipo di sugo preparato.
Cuocere le tagliatelle in abbondante acqua salata e condirle con il sugo preparato.

Sugo
Sfarinare la salsiccia direttamente in un tegamino con l’olio, spremere sopra l’aglio, con lo spremi aglio.
Accendere il fuoco, soffriggere la salsiccia, sfumarla con il pinot e unire il triplo concentrato di pomodoro con il dado sbriciolato.
Cuocere piano e se il sughetto si restringe troppo, aggiungere del buon brodo o brodo di dado.
Quando il sugo è pronto e le tagliatelle sono cotte, condirle e servirle ben calde.

*** perché le erbe rimangano belle verdi, scolarle e passarle velocemente in una bacinella con acqua fredda e ghiaccio.

6 commenti:

Mestolo & Paiolo ha detto...

Vaiii Rosina, questo si che parlare!!!! Strepitose queste tagliatelle, il sughetto di salsiccia e aglio mi fa andar in brodo di giuggiole. Bene, brava, bis,

rosatea ha detto...

Questo è il sugo preferito in famiglia.
Quando ho i funghi freschi naturalmente li sostituisco al dado
Star, oppure con i porcini che essicchiamo noi prima di rientrare a MI.

GiorgiaM ha detto...

Ciao Rosetta ben tornata e auguri !!!!

rosatea ha detto...

grazie Giorgia !
Sono passata nel tuo laboratorio ad ammirare i tuoi capolavori !
Congratulazioni

Bosina ha detto...

Hai capito la Rosetta!
Ma il buon Enrico l'hai raccolto in montagna? No, perché purtroppo qua non se ne vede...
Un bacione e bentornataaaaaaaaa
Laura

rosatea ha detto...

Laura, ne ho portato un borsone dalla montagna.
L'erba del buon Enrico o spinacio selvatico o farinuccia ecc, si trova solo dai 700-800 mt in su.
Calcolando che poco più sopra la neve si è appena sciolta, si può dire che l'abbiamo trovata quasi sulla porta di casa.
In genere vicino ai fienili, alle malghe ai ristagni di acqua ecc.
... è amarognolina e molto buona.