Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

domenica 1 febbraio 2009

Stracotto di cappel del prete


Oggi 1° febbraio … e nevica !
Seguendo le previsioni alla TV, ho pensato bene di avviare un bel pezzetto di carne in umido, da gustare rigorosamente con la polenta.
Il cappello del prete è una parte nobile che si trova fra il collo e la scapola, è la parte ideale per stufati e bolliti.

STRACOTTO DI CAPPEL del PRETE

1 kg di cappel del prete
1 carota
1 gambo di sedano
1 pezzo di porro
1 cipolla
3 chiodi di garofano
una spolverata di erbe di provenza
passata di pomodoro
brodo vegetale
1 cucchiaio raso di strutto
olio ex v q.b.
farina 00 q.b.
sale q.b.

Disporre in una casseruola e tutto a freddo, lo strutto, l’olio, sopra la carne e poi tutti gli altri ingredienti. Coprire a filo con l’acqua, portare a bollore, abbassare la fiamma e cuocere per tre ore circa.
Il sugo rimane piuttosto lungo perciò ne ho messo un po’ in una ciotola, ho stemperato i cucchiaino colmo di farina e la pastella l’ho reinserita nella casseruola mescolare e aggiustare di sale.
Ho continuato la cottura finchè il sughetto si è ristretto.
La carne deve sciogliersi in bocca.
Gnam gnam !

2 commenti:

Barbara ha detto...

Adoro questo taglio di carne, lo proverò anche con la tua ricetta, grazie!!

Rosatea ha detto...

Barbara, è molto semplice, senza vini o altro, però è molto gustosa e tenera.
Dopo 3 ore circa di cottura, si scioglieva in bocca
Mandi