Foto Carlo di Ampezzo

Foto Carlo di Ampezzo
Il nostro bellissimo paesello con tutta la Valle del Tagliamento. Quella nontagna a Punta è il Monte Amariana che svetta sopra Tolmezzo.

lunedì 23 marzo 2009

Brioches in cassetta

Non mi smentisco, le brioches del vicino sono sempre “le più migliori”.
Ho usato la ricetta delle BRIOCHE A CIAMBELLA di rossana 66 di http://www.coquinaria.it/, purtroppo non ho il link (quando ho copincollato la ricetta, non avevo il blog e i link non mi interessavano), però se fate una ricerca nel sito, la trovate.
Ebbene, non ho potuto attorcigliare la brioche perché ho usato 4 uova grandi e l’impasto non mi si è incordato bene, era leggermente lento e dopo 20 minuti ho spento l’impastatrice perché si stava scaldando la ciotola.
Anziché fare 1 brioche attorcigliata a ciambella come quelle di Rossana, ne ho fatte due e le ho messe in due contenitori da plumcake.
Quello che non ho capito è, come mai quelle di Rossana sono belle lucide e le mie sono rimaste opache.
A parte questo, tutto il resto è uguale, il sapore è ottimo e non sono troppo dolci, proprio come le gradiscono i miei ragazzi.
Una intera è volata ieri pomeriggio per Londra insieme ai ragazzi e sarà la colazione del mattino per qualche giorno, delll’altra ne è rimasta poca per gli Orsi di casa.




BRIOCHE IN CASSETTA

Ingredienti:
½ cubetto di lievito di birra
100 ml di latte tiepido
100 ml di acqua tiepida
400 g di farina 0 o Mettone (è una farina francese)
200 g farina manitoba
2 cucchiaini rasi di sale
125 g zucchero Zefiro
Semi di ½ bacca di vaniglia
125 g di burro ammorbidito
3 uova (io le avevo grandi) … vedi nota in alto

Sciogliere il lievito e lo zucchero in acqua e latte tiepidi, inserirli nella ciotola del Ken, unire le farine, le bacche di vaniglia e con il gancio impastare.
Aggiungere il sale, le uova e, a più riprese il burro.
Impastare finchè il composto diventa elastico e non sporca più la ciotola, in pratica dovrebbe rimanere attaccato al gancio e le pareti della ciotola restano puliti.
Lasciare lievitare coperto con un canovaccio, per ¾ ore in un luogo tiepido (io ho messo la ciotola nel forno con la lucina accesa per 3 ore soltanto), deve raddoppiare di volume.
Sgonfiare l’impasto e lasciarlo riposare ancora coperto per un’altra mezz’ora.
Dividere il composto in due parti e appoggiarli nei contenitori da plumcake foderati con carta forno o imburrati e infarinati.
Metterli ancora nel forno coperte con la lucina accesa, a lievitare ancora 2 ore (io poco più di un’ora, finchè raddoppino ancora di volume.
Preriscaldare il forno a 180/200°, intanto spennellare le brioches con burro fuso tiepido, stando bene attenti a tenere il pennello leggero per non sgonfiare l’impasto.
Cospargere con zucchero a granella e cuocere per circa 40 minuti, finchè si presentano ben dorate.
Se dovessero scurirsi troppo, coprire con carta stagnola.

***A piacere, prima di essere infornata, può essere cosparsa con la glassa:
sbattere 1 tuorlo con 3 cucchiai di zucchero, 125 g di mandorle tritate e, se piace, un bel pizzico di cannella.

*** Per la sua ciambella Rossana ha diviso l’impasto in 2 parti uguali, li ha arrotolati a cilindro (circa cm 40) e ha formato una treccia che poi ha sistemato nella tortiera a ciambella.

1 commento:

Rossana ha detto...

Ciao,
sono Rossana66 :-)
lucida o non lucida, devo dire che ti è riuscita proprio bene, mi fa piacere che ti sia piaciuta.
Complimenti, e grazie per averla provata.