Foto Rosetta marzo 2017

Foto Rosetta marzo 2017
Primavera ad Ampezzo

mercoledì 30 settembre 2009

Formaggio salato del Friuli











In Carnia il formaggio salato sta come il gorgonzola fra i milanesi, sono formaggi particolari che piaccciono o non piacciono, non ci sono mezze misure.
Fra le ricette che mi porto dal Friuli, trovate spesso il formaggio salato, proprio perché da quelle parti lo si usa come il prezzemolino.

Gli articoli e le foto che si riferiscono al formaggio salato, sono prese dal web

Salato morbido del Friuli - Origini e area di produzione
Il Salato morbido è nato a Sauris (UD) all'inizio del 1900, e rappresenta un'evoluzione dell'antichissimo Salato duro. Oggi viene prodotto presso alcuni caseifici della zona pedemontana friulana che comprende la Val d'Arzino, la Val Tramontina e il Maniaghese (PN).
Salato morbido del Friuli - Caratteristiche e fasi di produzione
Caratteristici sono il modo e gli strumenti per la sua preparazione, in particolare la "salina". L'utilizzo di questo contenitore, fabbricato tradizionalmente con doghe di larice, ha rappresentato per lungo tempo il sistema migliore per la conservazione del formaggio.Le forme pesano dai 2 ai 5 chili; la crosta è assente, la pasta è tenera e morbida, con occhiatura uniforme, di colore bianco.
Salato morbido del Friuli - Gastronomia e vini consigliati
È un tipico formaggio da polenta. I vini consigliati per l'abbinamento sono Colli Orientali del Friuli, Refosco dal Peduncolo Rosso, Schioppettino di Prepotto, Carso Terrano.

http://www.agraria.org/prodottitipici/robiolasalatofriuli.htm


FORMAGGIO SALATO (Formadi salât)Caratteristica è la tecnica di lavorazione originariamente usata per conservare un formaggio magro nelle dispense di montagna per tutto l'inverno. La maturazione avviene in una salina, la "salmuerie", composta di acqua, sale, latte e/o panna. La base di partenza è un formaggio fresco ed a latte intero. I formaggi non subiscono pressatura ma, in pezzi quadrati del peso di 2-5 kg, sono immersi direttamente in salamoia, dove restano per un periodo variabile tra i due e i sei mesi, a seconda che si voglia ottenere un prodotto tenero o duro.

Le salamoie utilizzate per l'occasione, infatti, non sono semplici preparati a base di acqua, panna e sale: le più vecchie raggiungono anche i 25-30 anni d'età. Naturalmente, periodicamente vengono reintegrate con panna e sale e filtrate per eliminare eventuali residui della lavorazione (di solito, pezzetti di forme che possono rompersi durante l'immersione), ma non vengono mai completamente sostituite. Il risultato di questa lavorazione è un formaggio dalla struttura compatta e pasta morbida e bianca, nel tipo fresco e più dura in quello stagionato. Sapore deciso, delicatamente salato e leggermente acidulo; il profumo intenso e caratteristico si accentua con la maturazione. Ottimo con le patate.
digilander.libero.it/raveo/CUCINA.HTM

6 commenti:

Gunther ha detto...

mamma li conosco, sono stato a sauris, come vorrei che tutti li conoscessero

Rosetta ha detto...

Gunther, ti è piaciuta Sauris ???
La prossima volta fai un salto a Lateis, passi davanti alla strada di Lateis per andare a Sauris quindi non sei fuori strada.
Ti trovi un gioiellino in via di espansione straordinario.
Mandi

ELel ha detto...

Che bello sentir parlare così bene del mio Friuli...Un saluto a tutti questi estimatori!

Rosetta ha detto...

ELel, mandami una email, sui tuoi blog non riesco a scriverti.
Per la precisione, non sono friulana, ho sposato un friulano "Cjarniel", è stato amore a prima vista sia col marito che con la sua terra, se potessi fuggire lassù e rimanerci, sarebbe magnifico !
Mandi

Vanessa ha detto...

Ciao ho appena scritto un opst e per far capire ai lettori cosa fosse il formaggio salato ho lincato questa tua pagina! Anche ni ci siamoi nnamorati di sauris soprattutto di lateis e di tutti i suoi prodotti!!!!!!

Rosetta ha detto...

Ciao Vanessa,grazie.
Buona giornata
Mandi