Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

giovedì 1 ottobre 2009

Pappardelle ai funghi sanguinelli


Quest’anno la montagna è stata avara nel regalarci funghi, ha piovuto poco e soltanto con la nuova luna che si è formata il 18 settembre e l’umidità della prima pioggia settembrina, ha bagnato quanto basta i boschi e ora che siamo tornati a casa, i miei amici trovano funghi a gogò.
Questo è uno dei magri bottini che ha trovato quest’estate mio marito, pochi finferli (quelli con il gambo arancione e la capocchia marrone) e pochissimi sanguinelli, quelli al centro.
Il fungo sanguinello è molto buono, croccante ma ha un piccolo difetto, se non lo usi subito diventa color violetto, è sempre buono ma ne va dell’estetica della pietanza da presentare.
Li ho preparati appena arrivati a casa con 4 gambette di finferli (gli altri li ho messi a seccare) ed ecco un buon piatto di pappardelle.

PAPPARDELLE ai FUNGHI SANGUINELLI

Per 3 persone

240 g di pappardelle
funghi sanguinelli
1 pomodoro sbucciato
¼ di cipolla
2 spicchi d’aglio tagliati a metà (che poi ho tolto)
6 pezzetti di guanciale (distribuiti poi nei piatti)
1 piccolo peperoncino rosso fresco
burro q.b.
sale q.b.
formaggio montasio grattugiato

In un tegamino sfrigolare il burro con la cipolla tritata fine, l’aglio e il guanciale.
Sbucciare il pomodoro e tagliarlo a pezzettini (quest’anno mio cognato ne aveva nell’orto una qualità stupenda con la buccia fine che a toglierla era un piacere).
Lavare accuratamente i sanguinelli e tagliarli a pezzi – le 4 gambette di finferli le ho lavate e lasciate intere.
Versare nel tegamino con le verdure rosolate i funghi senza sgrondarli troppo, lasciarli insaporire e poi aggiungere i pomodori con una spruzzata di sale.
Cuocere a fuoco lento per ½ ora circa, se il sughetto risulta troppo acquoso, alzare la fiamma e lasciarlo restringere al punto giusto.
Cuocere le pappardelle, scolarle e condirle con il sugo di sanguinelli.
Il formaggio grattugiato, rigorosamente in tavola, ognuno si serve come meglio crede.

4 commenti:

LISA51 ha detto...

TROPPO BUONI,il mio piatto preferito.Ma tu problemi di linea non ne hai?Brava,Lisa.

germana ha detto...

Che buoni i finferli, anche sulle pappardelle, io li ho provati anche in umido con il galletto nostrano.
mandi mandi

Rosetta ha detto...

Cara Lisa, di problemi di linea ne ho eccome, il mio metabolismo è ko ma ho due uomini che non hanno problemi di linea e sono voraci come dei veri Orsi.
Queste sono leccornìe che faccio per loro, li guardo compiaciuta mentre si divorano le pietanze che preparo, ma per me è sempre tutto diverso.
Per me ho imparato a farmi delle cose buone, ma cucinate a parte senza grassi e senza cosine proibite.
Mandi

Rosetta ha detto...

Io li vedo sfilare sotto il naso, mio marito e mio figlio non vanno particolarmente matti per i funghi.
Io li mangio tutti, e i finferli insieme ai porcini di solito li secchiamo e poi prendono il volo per Londra, mia figlia, mio genero e ora anche il piccolo li mangiano volentieri.
Mandi mandi