Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

venerdì 26 febbraio 2010

Pandorini al kefir e gogji berries

Ed io che son piccina dietaperennedipendente, non devo mangiare mai niente ???
Ennoneee ! questa volta mi sono fatta un dolcetto light.
L’idea l’ho presa da www.viaggiarecomemangiare.blogspot.com, l’ho un poco modificata e il risultato è soddisfacente, nonostante si sia spento il forno (mannaggia spero che vada ancora per un po’, ho appena cambiato lo scaldabagno e “soddoloriiii”), mi sono accorta che il forno era spento perché dal vetro del portello ho visto che non crescevano mai.
Ho aperto e mi si sono drizzati i capelli, pensavo di dover buttare tutto e invece sono cresciuti. Non hanno preso colore ma sono ottimi.
Li rifarò con il lievito madre in polvere … sono in vena di esperimenti :- )))
Per la colazione sono l’ideale, sono senza condimenti, e con il dolcificante.


PANDORINI al KEFIR e GOGJI BERRIES
per 12 pandorini

430 g farina manitoba o americana
250 g kefir (latte fermentato)
2 uova
dolcificante “Tic” a gusto - io ne ho messo poco giusto per sentire un poco di dolce
1 cucchiaio di buccia di arancia grattugiata
1 cucchiaio di bacche di Gogji Berries
1 punta di cucchiaino di Vaniglia bourbon in polvere
1 bustina di cremor tartaro (lievito)
1 pizzico di sale

Con il gancio a K lavorare nel ken il kefir con il dolcificante Tic, le uova e la buccia di arancia grattugiata.
Setacciare la farina con il sale, il lievito e la vaniglia.
Versare nella ciotola del ken e lavorare per minuti circa.
Aggiungere le bacche di Gogji e lavorare ancora un poco.
L’impasto è tipo il pane, ma non conoscendo l’originale, ho pensato che andasse bene così.
Dividere l’impasto in 12 stampini per pandorini, appoggiare le vaschette su una teglia da forno e infornare a forno caldo 180° per 30-40 minuti circa.

*** Da rifare senz’altro, sono ottimi e per la colazione (se non se le sgamano subito gli Orsi, un pandorino col caffè non me lo toglie nessuno.
Penso di conservarli in una scatola di latta e di riscaldarli un attimo nel MO prima di gustarli.

6 commenti:

Mestolo e Paiolo ha detto...

L'ideale anche per chi vuol rimettersi in forma per la prossima estate (ovvero far sparire la busecca).
Buona domenica.

Susy ha detto...

Ciao, anche se il forno ha fatto il furbetto, direi che ti sono venuti bene, sono felice di fare la tua conoscenza, ora gironzolo un po' qua nella tua cucina e mi guardo attorno... a presto, mandi.

Susy

Federica ha detto...

particolari!! devono essere deliziosi!! bravissima! ciao!

Rosetta ha detto...

Già già ! Caro Stefano, sto proprio studiando il modo di fare dolci gustosi senza grassi e solo con poche gocce di dolcificante, di tanto in tanto ho voglia anch'io di qualche cosa che abbia la parvenza di dolce.
Mandi e buona domenica anche a te.

Rosetta ha detto...

Ciao Susy, e di che mi è venuto il dubbio, altrimenti chissà cosa sarebbe saltato fuori.
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Federica, li rifarò presto.
Mandi