Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

sabato 28 gennaio 2012

Rindsgulasch della val pusteria

Ho avuto la ricetta di questi teneri bocconcini di carne che si sciolgono in bocca, dalla Nonna Gelmina, una Signora conosciuta a Trento nel periodo in cui siamo stati trasferiti per il lavoro di mio marito.

Trent’anni fa Nonna Gelmina era un’arzilla novantenne che ancora cucinava per se e la sorella ottantenne e oltre alla ricetta, preparata secondo una delle più tipiche usanze montanare, mi raccontò la storia di questo piatto … che riporto a piè pagina.

Questa è una bellissima immagine presa dal web: http://manzotin.blogspot.com/2010/04/il-muscolo-di-manzo.html

RINDSGULASCH della VAL PUSTERIA
per 4 porzini

800gdi muscolo di manzo

5cipolle

2 dita di vino rosso

25gdi farina

1cucchiainodi paprica rossa dolce

1 pizzico di cumino

1 ramettodi rosmarino

1 ramettodi maggiorana

1foglia di alloro

scorza di 1 limone

2bicchierid'acqua

olio extravergine di oliva

1 cucchiaio colmo di triplo concentrato di pomodoro

sale e pepe q.b.

In una pentola scaldare l’olio sul fuoco medio basso, aggiungere la cipolla affettata sottilmente e la carne tagliata a cubetti della grandezza che preferite.

In ½ bicchiere di acqua, sciogliere la farina con la paprica e versarla sulla carne, quando questa sarà ben rosolata da tutte le parti. Aggiungere subito anche il vino.

Quando tutto sarà evaporato, aggiungere il rosmarino e la maggiorana tritati finissimi con la foglia di alloro e il cumino. Grattugiare finemente la buccia di limone e unirla al composto con il concentrato di pomodoro.

Allungare con un bicchiere di acqua, coprire il recipiente e cuocere per 2 e ½ ore circa, aggiungendo qualche goccio d’acqua durante la cottura, per evitare che si attacchi.

A metà cottura salare e pepare con parsimonia, e alla fine aggiustare con sale e pepe se occorre. Servite caldo, accompagnato da polenta o patate bollite o canederli oppure spatzly

*** Storia del piatto

Il Gulasch è un piatto povero di origine medievale che veniva preparato dai mandriani ungheresi durante le loro lunghe permanenze nei pascoli assieme al bestiame.

La parola ungherese “Gulasch” o “Gulyas” al significato di “pastore o bovaro”, ma anche di “carne preparata al modo del pastore”. Infatti, pare che la parola, originariamente, significasse solo “bovaro”, mentre il piatto fosse chiamato gulydshùs (carne di gulasch), un pasto preparato dai bovari della Puszta regno di pascolo di grandi mandrie bovine; da qui i capi più pregiati attraversavano l’Europa centrale per raggiungere i macelli europei di Vienna, Norimberga o Venezia.

Nonostante le sue umili origini, già verso la fine del XVIII secolo il gulasch si diffuse nelle cucine di corte ed è diventata una ricetta molto famosa ed amata, tanto da diffondersi nell’impero austroungarico e dai confini dell’Austria è passata lungo tutto l’arco alpino orientale diventando un classico tipico del nord-est italiano.

Il gulasch si può preparare in più modi ma l’unico punto sul quale non esiste disputa è che la farina è necessaria per legare la salsa e che la paprika, sempre usata con generosità, conferisce alla zuppa una consistenza cremosa ed una tonalità rossa particolare.


30 commenti:

Elisa 2011 ha detto...

Bella questa ricetta, da provare, grazie.Sei bravissima mi viene voglia di mangiare solo a leggere le tue ricette.

Tomaso ha detto...

Mi pare cara Rosetta che qui si mangia troppo:))
Buona domenica cara amica.
Tomaso

Rosetta ha detto...

Questo gulasc è veramente buono Elisa ... sto riordinando il mio archivio e ho un sacco di ricette provate almeno una volta che sono veramente valide.
Buona domenica
Mandi

Rosetta ha detto...

Tomaso qui sembra che si mangi troppo ma ci sono moltissime ricette molto vecchie che un tempo scrivevo sui forum ci Cucina Italiana, Coquinaria, e altri.
Ora ho il mio blog e insieme alle ricette attuali, ne inserisco tante che ho provato e che ho ben stipate in archivio.
Buona domenica
Mandi

Sonia M. ha detto...

Mi piacciono molto i piatti unici ricchi, sono come direbbe Nigella, veramente confortanti. In questo momento da me sta nevicando e non ti nego che una porzione di questa bontà sarebbe perfetta ;)
Buona Domenica, mandi
Sonia

Rosetta ha detto...

Ciao Sonia, hai perfettamente ragione, e se poi ci aggiungi una polenta, o dei canederli oppure degli Spatzly come i teutonici vicini, hai un pranzo che veramente ti appaga in una giornata fredda e nevosa.
Buona domenica anche a te
Mandi

Tiziano ha detto...

Questo e un piatto da leccarsi i baffi ciao amica mia,
alla dieta pensiamo domani
buona serata

Tiziano.

Solema ha detto...

Buono il goulash!! Ho comperato la carne, sta aspettando in congelatore.
Ho preso i guancialetti, così viene morbidissima!!

pâtes et pattes ha detto...

questa la devo proprio preparare a mio marito se mai accompagnata da una bella polenta, visto che qui c'è neve a gogò! un mandi speciale da me e un ronron dalla pelosotta (Helga e Magali)

Daniela ha detto...

Ma quanto mi piace questa ricetta, la segno subito. Un abbraccio Daniela.

Le Ricette di Tina ha detto...

mai provato ma dev'essere davvero buono!!ciaoo buona settimana

Rosetta ha detto...

Ciao Tiziano ... uffa, sempre dieta ... almeno ogni 15/20 giorni un piatto come si deve si può assaggiare ^___^, basta mangiarne poco.
Buona settimana
Mandi

Rosetta ha detto...

Cavolo Solema, hai preso la "créme de la créme" - i guancialetti sono divini con questa ricetta.
Buona settimana
Mandi

Rosetta ha detto...

Helga, faresti veramente felice tuo marito e la polenta ci stà proprio bene.
Buona settimana
Mandi

Rosetta ha detto...

Ciao Daniela, provala, è ottima.
Buona settimana anche a te.
Mandi

Rosetta ha detto...

Tina, se lo provi sono sicura che lo rifai volentieri.
Un bacione
Mandi

anna ha detto...

Quel pezzo di carne fa venire una voglia matta di fare un buon gulash.
Mandi!

speedy70 ha detto...

Un piatto che mi piace moltissimo, ottimo Rosetta!!!!!

Valentina ha detto...

Ciao Rosetta, complimenti per questo piatto ricco e succolento..con il freddo e neve che c'è qui sarebbe un piacere tornare a casa e trovarlo in tavola. Un bacione

Rosetta ha detto...

Ciao Anna, grazie per la visita.
Un pezzo di carne simile l'ho già avviata per fare lo stracotto.
Buona giornata.
Mandi

Rosetta ha detto...

Speedy, ho un buon stracotto con polenta oggi, se ti va ti aspetto.
Mandi

Rosetta ha detto...

Dimmi quando vieni Valentina, te lo preparo.
Mandi

✿ Elena ✿ ha detto...

che bontà! conosco questa ricetta ed è davvero buona! ma mi limito solo a mangiarla..lascio cucinare agli altri! :D
baci baci

Rosetta ha detto...

Elena furbacchiotta, comunque sei una buongustaia,buona serata.
Mandi

Laura ha detto...

Stupendo...
mette l'acquolina in bocca nonostante l'ora...
proverò a cercare i guancialetti e mi cimenterò...
Grazie,
Ciaooo!!!

germana ferrari ha detto...

Questa me la segno, mi era sfuggita e sicuramente non mancherà la polenta.
mandi mandi

elena ha detto...

Il gulasch tirolese è splendido se poi il tuo viene da Brunico..... un bacio

Rosetta ha detto...

E- buonissimo Laura, ti consiglio di provarlo.
Buona serata
Mandi

Rosetta ha detto...

Certo che non pu; mancare la polenta Germana !
Provala.
Mandi

Rosetta ha detto...

Grazie della visita Elena.
Buona serata
Mandi