Foto mia

Foto mia
Lavoro amigurumi eseguito dalla mia amica di Ampezzo, Alda Varnerin. Ha mani veramente d'oro, i suoi lavori sono sempre precisi.

mercoledì 1 ottobre 2008

Vergia chioca - verza cotta














Inizia il tempo delle verze, tutti sappiamo che questo ortaggio della grande famiglia dei cavoli fanno bene, e qui vi voglio dare due piccoli consigli che mi ha dato mia nonna e che mi tornano sempre utili.

Per le verze cotte, vanno bene quelle di primo raccolto, sono più amarognole ma basta dargli una sbollentata di alcuni minuti, scolarle e cucinarle a piacere ... diventano più digeribili.

Per le verze mangiate a crudo, tagliate fini con la mandolina, è meglio acquistarle e gustarle più avanti, quando avranno già preso i primi geli; a questo punto la verza è più dolce e si digerisce benissimo cruda.

VERGIA CHIOCA (verza ubriaca)

1 verza

250 gr di speck di Sauris

4 cucchiai d'olio ex vergine

1 cipolla

3 bacche di ginepro schiacciate

2 bicchiere di vino tocai friulano

sale

Togliere le foglie esterne della verza e affettarla a striscioline sottili.

In un tegame con l'olio, rosolare la cipolla e lo speck tritati con le bacche leggermente schiacciate. Unire la verza ben sgocciolata, salare e bagnare con il vino.

Cuocere con il coperchio per 30' a fuoco moderato.

Spolverare con un poco di farina e mescolare in fretta per non formare grumi.

Restringere il sughetto a tegame scoperto e servire caldo.

mmmmhhhhh un buon "muset" (assomiglia al cotechino), non ci starebbe male.

2 commenti:

barbara ha detto...

Adoro la verza... ma non sapevo si potesse rendere la ricetta ancora più invitante, con il vino, grazie!

rosatea ha detto...

La verza in genere è un piatto invernale e perciò viene cotta adattandola a cibi più grassi (vedi oca, maiale, anatra).
Il vino ha la tendenza a smorzare o sgrassare un poco il preparato; a volte si sente il sapore delle uve, ma l'alcool evapora tutto in cottura, perciò non fa assolutamente male.